Fiscalità
07.11.2019

Ecco i vantaggi di una microtassa sulle transazioni finanziarie elettroniche al posto di Iva, Ifd e tassa di bollo, oggetto di un’iniziativa popolare

di 

Francesco Bonsaver

Una vera rivoluzione fiscale che aprirebbe scenari impensabili. Non più tassare il lavoro o il consumo, ma andare a prendere il denaro nella gigantesca montagna in circolazione che finora sfugge a qualsiasi imposizione, per destinarlo al bene comune. Grazie a una microtassa dello 0,1% sulle transazioni finanziarie elettroniche, si potrebbero raccogliere 100 miliardi di franchi l’anno coi quali abolire l’Iva (23 miliardi), le imposte federali dirette (22 miliardi) e la tassa di bollo (2 miliardi). I restanti 53 miliardi potrebbero essere impiegati per risolvere le priorità collettive, quali la svolta energetica del Paese o il finanziamento delle pensioni.

Torna su

..
L'editoriale
07.11.2019

di 

Claudio Carrer

Viene venduta come una “misura di politica familiare”, di “promozione e di sostegno della famiglia” e pertanto può dare l’impressione di essere una buona cosa, una giusta risposta ai bisogni della maggioranza della popolazione, ma non è affatto così. Parliamo della recente modifica della Legge federale sull’imposizione diretta, che in apparenza introduce un trattamento fiscale di favore per i genitori con figli minorenni o in formazione, ma che in realtà rappresenta solo un regalo alle famiglie più ricche del Paese, quelle con un reddito annuale dai 150.000 franchi in su.

Per tutte le altre poco o nulla. Anzi, l’onere di pagare il prezzo per i 350 milioni di franchi che verrebbero a mancare nelle casse dello Stato.



Ultime rubriche

La mano invisibile

L’illusione della felicità

di 

Silvano Toppi
Lavoro

Iloti

di 

Giuseppe Dunghi
Eurovisioni

Ma quale tortura

di 

Andreas Rieger
Storia di classe

Condannare la violenza vera

di 

Pablo Guscetti
Malaedilizia
07.11.2019

di 

Francesco Bonsaver

Poteva essere una storia a lieto fine, ma l’applicazione burocratica delle ciniche leggi della migrazione ha guastato tutto. Il protagonista della storia è Fouad Zerroudi, l’uomo che aveva commosso l’intero Ticino per il coraggio avuto nel denunciare uno dei più gravi casi di malaedilizia in Svizzera, trasformando l’orgoglio nazionale dell’opera del secolo AlpTransit, nel cantiere della vergogna del Monte Ceneri. Il suo caso diventò di dominio pubblico grazie alla trasmissione Falò andata in onda sulla Rsi il 4 aprile.

Lavoro interinale
07.11.2019

di 

Federico Franchini

Le statistiche dimostrano l’esplosione del numero di lavoratrici e lavoratori interinali impiegati in Ticino. La gran parte di questo personale è straniero ed è sempre più precarizzato. Ecco qualche dato.

Il fenomeno del multimpiego
07.11.2019

di 

Veronica Galster

Donna, di nazionalità svizzera, con più di 40 anni e figli sotto i 15 anni, un titolo di studio universitario e con un’attività principale come salariata. Questo è l’identikit del lavoratore multiattivo medio in Svizzera, una realtà professionale in crescita in un mondo del lavoro sempre più flessibile.

America latina
07.11.2019

di 

Maurizio Matteuzzi

L’America latina brucia. Non che l’ottobre sia rosso, questo no, ma che sia un ottobre ribelle è certo. Cosa ha spinto alla protesta gli studenti, gli indios, le donne, le classi popolari e le classi medie in Ecuador, Cile, Perù, Bolivia, Haiti, Honduras, fino a Panama e Costa Rica e, su un piano solo elettorale, Argentina, Colombia, Uruguay? Paesi diversi, governi diversi, disimpegni economici diversi, storie diverse. Un'analisi generale e i casi di Cile e Argentina.

Italia
07.11.2019

di 

Loris Campetti

La forza ce l’hanno loro, le multinazionali, con la legge della globalizzazione e la politica liberista dalla loro. Tanto più uno Stato è debole, tanto più riescono a imporre le regole. E lo Stato italiano – a differenza di Francia, Germania e Usa che in operazione di vendite, joint venture, fusioni fanno muro in difesa dei propri lavoratori, forti spesso della partecipazione pubblica al capitale – è debole da sempre. In Fiat arrivano i francesi, in Alitalia fanno cucù i tedeschi della Lufthansa che pretendono 5.000 licenziamenti per entrare nel capitale, contro i 2.500-2.800 avanzati sia da Atlanta che da Delta; dalla Whirlpool fuggono gli americani, come hanno già fatto dall’Alcoa in Sardegna.

Lavoro
24.10.2019

di 

Francesco Bonsaver

Sembra uno scherzo, ma invece è l’allucinante realtà. Grandi catene nella vendita assumono lavoratrici alle quali da contratto garantiscono zero ore lavorative a settimana. Tutto legale, la legge lo consente. Lo fanno per spremere le dipendenti, per ottenere da loro la massima flessibilità, chiamandole quando servono. Ma ha anche una doppia funzionalità. Quando la dipendente diventa scomoda, perché reclama o non rende come vorrebbero, potranno ridurle le ore a zero, senza ripercussioni legali. area vi propone le testimonianze di due lavoratrici attive in Ticino. 

Siria
24.10.2019

di 

Giuseppe Acconcia

Con l’operazione “Sorgente di Pace”, avviata lo scorso 7 ottobre, le autorità turche potrebbero ridisegnare i confini della Siria settentrionale e ridefinire le alleanze geopolitiche tra i principali Paesi che hanno interessi nella regione dalla Russia agli Stati Uniti, dalla Siria di Bashar al-Assad all’Iran di Hassan Rouhani.

Siria
24.10.2019

di 

Francesco Bonsaver

Hana Hobil, nata e cresciuta in Ticino, vive con passione e angoscia quanto sta accadendo nel Nord della Siria, dove vive il suo popolo d’origine, quello siriaco. Di religione cristiana, i Siriaci hanno una drammatica storia millenaria di oppressione e di genocidi.

Elezioni federali
24.10.2019

di 

Veronica Galster

2019 l’anno delle donne, è proprio il caso di dirlo: dopo il grande lavoro di mobilitazione e sensibilizzazione e l’enorme partecipazione allo sciopero delle donne del 14 giugno, si cominciano a raccogliere i primi frutti e, con una presenza di candidate sulle liste elettorali che per la prima volta ha superato il 40 per cento, ecco che domenica scorsa, con l’elezione di 84 consigliere nazionali, la Camera del popolo è passata dal 32 al 42 per cento di donne.

Spagna
24.10.2019

di 

Maurizio Matteuzzi

La Catalogna brucia? La Spagna ancora alle prese con il “problema catalano”? No. È la Spagna che brucia. E il problema catalano è il “problema spagnolo”. Tutto secondo copione.

Amianto
24.10.2019

di 

Mattia Lento

Nell’anno in cui il sindacato Unia, insieme a Solidar Suisse, è impegnato in una campagna internazionale contro l’esposizione all’amianto dei lavoratori delle aree più povere del mondo, area ha incontrato tre attivisti di Legambiente nel parco sorto al posto della fabbrica Eternit. 

Lavoro & dignità
10.10.2019

di 

Federico Franchini

È finalmente approdato in aula penale uno dei peggiori casi di malaedilizia mai andato in scena sui cantieri svizzeri. Protagonista della vicenda Marco Consonni, titolare dell’omonimo gruppo, accusato di usura aggravata e falsità in documenti per aver taglieggiato per anni i salari di undici operai. Fatti gravi, commessi da un «imprenditore affermato, persona che vuole apparire per bene, ma che porta disprezzo dell’altro, delle persone che non sono suoi pari» secondo le parole della procuratrice pubblica Chiara Borelli che ha chiesto una condanna di 3 anni e 8 mesi da espiare. La vicenda era emersa nel 2016, dopo che il “caporale” aveva fatto una segnalazione al sindacato Ocst.

Salute & Lavoro
10.10.2019

di 

Veronica Galster e Claudio Carrer

Dalla fine di settembre in Ticino si è tornati a discutere animatamente di amianto, quel minerale tanto usato nel passato che si è poi rivelato un pericolosissimo killer se inalato, che è stato definitivamente vietato in Svizzera dal 1990, ma che ora sta seminando nuovamente il panico tra lavoratori ed ex lavoratori delle Officine Ffs di Bellinzona (e non solo).


Ambiente & Politica
10.10.2019

di 

Francesco Bonsaver

Siamo sommersi dai rifiuti plastici. Se ne trovano sulle Alpi, nei laghi, nei mari, ovunque. Se non sarà invertita la rotta, il mondo soffocherà sotto montagne di questo materiale icona del consumismo usa e getta. Le persone vogliono contribuire a evitarlo, ma la politica temporeggia discutendo se sia meglio bruciarla o riciclarla. Il riutilizzo contribuirebbe a evitare nuovi immissioni, ma la vera soluzione passa dall’evitare di produrne a dismisura.

Ambiente & Lavoro
10.10.2019

di 

Angelo Mastrandrea

Per arrivare dalla terra alle tavole di mezza Europa, Svizzera inclusa, la frutta e la verdura dell’Agro Pontino impiegano poche decine di ore. Perché ciò accada, i contratti di fornitura siano rispettati e le grandi catene di super e ipermercati siano soddisfatte, accade che si utilizzino mezzi poco leciti. Non si tratta solo dello sfruttamento dei lavoratori, soprattutto immigrati, pagati pochi euro l’ora e costretti a turni massacranti, anche di notte. E neppure dell’utilizzo di sostanze dopanti e di antidolorifici per non sentire la fatica del lavoro nelle serre, come hanno dimostrato alcune denunce giornalistiche e inchieste giudiziarie. Parliamo, in questo caso, dell’utilizzo di prodotti vietati o addirittura contraffatti per gonfiare la produzione.

Lavoro e dignità
10.10.2019

di 

Loris Campetti

A gennaio Maurizio Landini veniva eletto segretario generale della Cgil da una maggioranza ben più ampia di quella consolidata durante la sua esperienza alla guida della Fiom. Siamo in autunno, è passato un periodo troppo breve per azzardare un bilancio, si può dire che l’ex leader della Fiom sia ancora in rodaggio. Eppure, non si appella ad alcun emendamento, non si avvale della facoltà di non rispondere.

Palazzo & Lavoro
25.09.2019

di 

Francesco Bonsaver

Dal 2014 al 2018, il Municipio di Lugano ha affidato 33 mandati diretti a tredici aziende attive nel campo della attrezzatura da cucina e affini per poco meno di 520mila franchi. Una quattordicesima ditta, invece, è stata più fortunata. Nel medesimo campo e periodo infatti, la Franco dell’Oro Sa, di mandati diretti ne ha ricevuti 35 per oltre 720mila franchi.

La ditta era al centro della recente scandalo per essersi vista attribuire un mandato su invito pur non avendo le qualifiche, subappaltandolo poi a una ditta fallita.

L’Associazione dei falegnami ticinesi, indignata, ha scritto una dura lettera al Municipio, dicendosi convinta che dietro la spiacevole storia si nascondano interessi particolari. Quali competenze tecniche possiede quell’unica ditta per farla preferire di gran lunga alle concorrenti?


Ambiente & Politica
25.09.2019

di 

Federico Franchini

In questo 2019 le preoccupazioni legate al cambiamento climatico sono diventate un tema importante nel dibattito pubblico. In Svizzera, le manifestazioni dei giovani in favore del clima hanno avuto il merito di porre la questione ambientale al centro della campagna elettorale per le elezioni federali del prossimo mese di ottobre. Volenti o nolenti i partiti hanno così dovuto posizionarsi e riflettere in merito alla propria strategia climatica. In che modo?

Sindacato
25.09.2019

di 

Claudio Carrer

In vista del Congresso regionale ordinario di Unia Ticino e Moesa del prossimo 26 ottobre, chiamato tra l’altro ad eleggere un nuovo Segretario regionale al posto di Enrico Borelli (che dal 2020 assumerà la co-conduzione della Regione di Zurigo e Sciaffusa), la competente commissione elettorale interna (prevista dagli Statuti di Unia) propone quale candidato il collega Giangiorgio Gargantini, attualmente cosegretario della Sezione Sottoceneri e responsabile del settore terziario.

Italia
25.09.2019

di 

Loris Campetti

Il Parlamento italiano è come la ruota di un luna park, basta aspettare un po’ perché chi sembrava definitivamente caduto in basso torni in alto, basta mezzo giro per risalire. Il governo è il regalo per chi riesce a prendere il pennacchio volteggiando sugli aerei della giostra, altro giro altro regalo. I partiti, invece, somigliano alle porte girevoli degli alberghi, chi entra e chi esce, ma poi chi esce ecco che rientra, e viceversa.

Società
12.09.2019

di 

Francesco Bonsaver

Ventitré anni di esistenza di uno spazio autogestito saranno cancellati da un messaggio comunale? Ne sembra convinto il Municipio luganese, al cui auspicio si è accodata la maggioranza del Consiglio comunale, adottando il messaggio per un concorso di riqualifica del sedime dell’ex macello, sede da 17 anni del Centro sociale autogestito (Csoa) il Molino, nel quale si esclude espressamente l’autogestione dal futuro utilizzo dell’intera area. La risposta del Molino sarà il corteo indetto questo sabato 14 settembre, ore 13.30 al Cinestar (lato fiume), per rivendicare il diritto a esistere dell’autogestione. 

Lavoro e dignità
12.09.2019

di 

Francesco Bonsaver

Logica del minor prezzo, mandato diretto a chi non ha le competenze, subappalto a chi non paga gli operai e ha alle spalle una storia di fallimenti. Tutti i dettagli del caso denunciato dal sindacato Unia, che vede coinvolto quale attore di primo piano il Comune di Lugano, committente dell’opera.

Socialità & Giustizia
12.09.2019

di 

Veronica Galster

Lunedì 2 settembre la Commissione peritale indipendente Internamenti amministrativi (Cpi) ha presentato l’ultimo di dieci volumi: una sintesi dei risultati delle sue ricerche e le raccomandazioni al Consiglio federale, concludendo così un lavoro durato oltre quattro anni. La Cpi ha inoltre sottolineato l’importanza di continuare il processo di riabilitazione delle persone internate con ulteriori contributi finanziari e la creazione di una struttura d’incontro.

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 7 Novembre 2019
Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

..
Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019