anno XVII, n° 19 - 5 dicembre 2014

L'editoriale
04.12.2014

di 

Francesco Bonsaver

In una dichiarazione inviata al capodipartimento del Territorio, Claudio Zali, l’Associazione dei cavisti ticinesi (Aigt) conferma l’impegno di «mantenere tutte le condizioni di lavoro del Ccl scaduto nel 2011, ivi compreso il prepensionamento a 60 anni». La dichiarazione ufficiale è datata giugno di quest’anno, la firma in calce è quella del presidente Aigt, Mauro Bettazza.Mentire sapendo di mentire.

Come ben sa, lo stesso Bettazza alle sue dipendenze ha da oltre un anno un «operatore della pietra» con uno stipendio orario di 20 franchi, quasi cinque in meno della paga minima del Ccl 2011. Una riduzione di paga di mille franchi per l’operaio, grazie a cui il datore risparmia pure sugli oneri sociali. Dumping salariale, in altre parole. La prova, con tanto di documenti, è visibile sul sito denunciamoli.ch, la blacklist del sindacato Unia.

Preso con le mani nella marmellata, il Bettazza non si scompone e rilancia. Intervistato da 20 minuti, dichiara: «Non si tratta di un contratto illegale. Parliamo di 3.500 franchi lordi al mese. Confronti questa cifra con quelle dell’industria in Ticino e poi ne parliamo». Bene, signor Bettazza. Ora parla chiaro.



Articoli

Fiduciari
04.12.2014

di 

Francesco Bonsaver

La saga giudiziaria di Davide Enderlin Junior tiene banco da mesi nelle cronache locali. E accende i riflettori sulla nebulosa piazza parabancaria ticinese, sulle sue criticità, sulle strane relazioni professionali e quei silenzi che paiono complici. Inquisito e arrestato in Italia con l’accusa di aver svolto un ruolo da intermediario nel riciclaggio di 22 milioni di euro, Enderlin è indagato pure dalla Procura ticinese per l’ipotesi di aver sottratto denaro ai suoi clienti e di malagestione nel fallimento dell’azienda Pramac di Riazzino.

Sindacato
04.12.2014

di 

Claudio Carrer

Il sindacato Unia compie dieci anni. Per sottolineare la ricorrenza, domani a Berna si terrà una grande festa per i militanti e nel corso del 2015 saranno organizzati numerosi momenti d’incontro e di riflessione a livello regionale. Per l’occasione, il sindacato ha anche pubblicato un libro che ripercorre la storia della più grande organizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori in Svizzera. area vi propone invece un'intervista a Vania Alleva e Renzo Ambrosetti sulle origini, il ruolo nella società, le sfide presenti e future dell'organizzazione sindacale. 

Negozi
04.12.2014

di 

Raffaella Brignoni

Venghino siore e siori, venghino. Il bazar è pronto ad accogliervi: dalle sei del mattino alle otto di sera. Che cosa volete di più? Venghino siore e siori... Non avete i soldi? Ma che importa, c’è il credito, il leasing, le rate mensili... Siori, una soluzione la troviamo...


Socialità
04.12.2014

di 

Raffaella Brignoni

La forza della gente, quando le istituzioni sono latitanti. Casa Astra è un bell’esempio di iniziativa solidale che ha risposto alle esigenze di persone in difficoltà e senzatetto. Ora diventa grande e da Ligornetto si trasferisce a Mendrisio.  


Diritti
04.12.2014

di 

Francesco Bonsaver

Un esperimento sociale riuscito, documentato in maniera innovativa. Il fruitore diventa regista di ciò che vuol guardare. E tutto gratuitamente.

Multiculturalità? Si può. Autogestione? Si può. Perfino a Tor Sapienza, quartiere di Roma, al centro della cronaca recente (e delle passerelle politiche) per le rivolte contro il centro per i rifugiati e l’abbandono dello Stato nelle periferie italiane. Ma questa è un’altra storia. Torniamo invece a quell’esperimento sociale che oggi ci occupa, di un lussuoso hotel occupato 2 anni fa e abitato da 200 famiglie provenienti da oltre 20 nazioni diverse.



Rubriche

04.12.2014

di 

Giuliana Sgrena
04.12.2014

di 

Manon Schick
04.12.2014

di 

Valentina Vigezzi Colombo