< Ritorna

Stampa

 
Spazio Sos

Una solidarietà difficile da spiegare

di

Mario Amato

Il 24 febbraio 2022 è una data che verrà ricordata a lungo, probabilmente nei decenni a venire. E questo si capisce: un grande paese, la seconda potenza militare al mondo, la Russia insomma, ha invaso un paese libero e sovrano, l’Ucraina, scatenando una guerra assurda e insensata che, comunque andrà a finire, cambierà verosimilmente gli assetti geopolitici e di potere, consegnandoci un futuro triste e incerto, soprattutto per le nuove generazioni.

 

Ma il 24 febbraio 2022 verrà ricordato, almeno per quanto riguarda la Svizzera e il Ticino in particolare, per quel moto di generosità, di solidarietà di grande apertura dimostrate dalla popolazione del nostro paese nei confronti dei profughi che fuggivano dall’Ucraina. In pochi giorni sulla piattaforma di Campax sono stati messi a disposizione decine di migliaia di posti letto in tutta la Svizzera da parte di privati per dare alloggio a chi cercava un luogo di rifugio sicuro per fuggire dagli orrori della guerra. Credo che un moto cosi spontaneo, un’apertura tanto generosa e disinteressata da parte della popolazione, non si sia mai vista, almeno negli ultimi venticinque anni, anni che sono stati comunque funestati da guerre e da guerre civili che hanno condotto da noi migliaia di rifugiati in cerca di protezione internazionale.

 

Ricordo la guerra nei Balcani, Bosnia prima, Kosovo poi. La guerra in Iraq e l’orrore dell’Afghanistan, la Somalia dimenticata e lo Yemen o la Siria, solo per citare alcuni conflitti degli ultimi due decenni, molti dei quali sono ancora in corso. Di fronte a questi drammi vi è stata mobilitazione ed espressioni di solidarietà da parte della società civile, certamente, ma non nella misura in cui questa stessa solidarietà si è manifestata negli ultimi mesi nei confronti dei rifugiati provenienti dall’Ucraina. Molto si è scritto in questi mesi di guerra su questo moto spontaneo di generosità e altri hanno fornito spiegazioni e interpretazioni plausibili e a tratti condivisibili dal punto di vista sociologico e storico.

 

Per chi lavora presso SOS Ticino, come il sottoscritto, ed è a contatto con rifugiati provenienti dai più disparati angoli della terra, risulta tuttavia difficile spiegare, all’utenza migrante con cui si intrattiene quotidianamente, perché ora e non in passato, in occasione dei conflitti che li hanno condotti a lasciare il loro paese per mettersi in salvo, si è manifestata questa grande ondata di solidarietà. Risulta più agevole spiegare perché esiste una differenza di trattamento tra i diversi statuti di soggiorno, perché queste differenze, condivisibili o meno, sono comunque ancorate nella legge.

 

Ma la solidarietà, la sua espressione e dimensione, la sua manifestazione così eclatante, appare molto più difficile da spiegare a chi ha vissuto quello stesso dramma e quelle stesse tragedie che oggi vive la popolazione dell’Ucraina. Perché sondare l’animo umano, i suoi processi interni, non è cosa evidente da realizzare. Ma l’esperienza sì, si può trasmettere e spiegare. E l’auspicio dei molti utenti che frequentano i servizi di SOS Ticino è che ci si ricordi di questa grande e giusta solidarietà anche in futuro.

Pubblicato

Giovedì 5 Maggio 2022

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019