< Ritorna

Stampa

 

Una riflessione sulla "svizzeritudine"

di

Claudio Origoni
Il cioccolato sta alla Svizzera come la Schnitzel all'Austria. L'equivalenza è certificata anche dall'espressione  dialettale "Ciculat e pö pü!"
Ma la Svizzera – sospendiamo il discorso sull'Austria per una forma di non meglio definibile pudore – è anche montagne, vallate, pulizia, Emmental e orologi. E poi precisione, banche, latte, coltellini giù giù fino ad arrivare a Heidi, appena preceduta da quel personaggio più televisivo che letterario che è Michelle Hunziker (la quale, di svizzero, ha soprattutto il nome essendo il resto anatomia).
Tutto questo, e cioè montagne vallate eccetera è la percezione che gli italiani hanno della Svizzera secondo un'indagine dell'Istituto Piepoli realizzata nell'ottobre 2007.
Insomma, il nostro Paese – ma la cosa vale per tutti gli stati –  è una serie più o meno immutabile di pregiudizi e di luoghi comuni diffusi. (A proposito, non sarebbe ora di rinnovarla, la serie? Non dovrebbero essere i luoghi comuni determinati dalle condizioni storiche, come scrive opportunamente Paolo Di Stefano sul Corriere della Sera?).
Ora, che la Svizzera sia abitata da un popolo libero e serio (fatta eccezione per leghisti e paraleghisti) è provato, malgrado gli svizzeri – come ha scritto Dürrenmatt negli anni Novanta – vivano in un carcere di cui sono al contempo prigionieri e controllori.
Che viviamo in un bel paese – la Svizzera è bellissima!, dicono gli stranieri, nel senso di turisti, riferendosi al paesaggio – è vero. E forse lo è anche troppo, al punto che c'è chi è convinto, tra i cittadini svizzeri, che anche il paesaggio sia merito nostro.
La lista degli stereotipi sulla patria di Tell è lunghissima. Essa è almeno lunga quanto quella che riguarda i paesi esteri: si veda un numero a caso del Mattino della domenica.
E allora? Vogliamo arrabbiarci? No. Meglio provare a rifletterci, magari sostenuti da una certa dose di ironia, o di autoironia, anche se – mi rendo conto – che è un po' come invitare un paziente a cantare ad alta voce nella sala d'aspetto del Pronto Soccorso.
A questo proposito, a proposito del rifletterci, viene a pennello una mostra, anzi due, che sono state recentemente aperte a Lugano "Enigma Helvetia. Arti, Riti e Miti". Una riflessione, informa il Corriere della Sera, sulla svizzeritudine. O se volete una mostra che si occupa della cultura del Novecento svizzero accompagnata da un bel catalogo in cui spiccano i nomi di Pietro Bellasi, il curatore, Marco Franciolli, Carlo Piccardi e Cristina Sonderegger. Da visitare!
Chissà che il nostro paese non ne esca un po' meno inodore, più normale e magari anche meno esemplare. Mi piacerebbe tanto.
Per dirla con Peter Bichsel, autore di quell'indimenticabile pamphlet che è "La Svizzera dello svizzero", io vivo qui, naturalmente, e ci sto bene. Mi piacciono molte cose di questo Paese, ma non costringetemi a essere costantemente entusiasta. Non sono qui da turista, o non vorrei esserlo! 

Pubblicato

Venerdì 9 Maggio 2008

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019