< Ritorna

Stampa

 

Una lezione di speranza

di

Anna Biscossa
Nelle scorse settimane ho visto "fiorire" sulle giacche di molti miei allievi le spille di solidarietà e sostegno alla lotta delle Officine. Li ho sentiti parlare tra loro e con me di quanto accadeva e darsi appuntamento per andare in piazza.
Era molto, molto tempo che ciò non accadeva.
E le spille apparivano sul petto di tutti, dei leghisti e dei "molinari", di ragazzi che non hanno mai espresso una posizione politica e su quello di chi si è schierato politicamente fin dal primo giorno di scuola.
Poi li ho incontrati in piazza, nei cortei, nell'Officina. Ex-allievi e allievi, di provenienze politiche e regionali molto diverse tra loro. C'erano! A Chiasso, come a Bellinzona e a Berna!
Ed è stato bello vedere tanti giovani nell'Officina, nei cortei, ai dibattiti.
È stato bello, a tratti davvero entusiasmante, ma è stata soprattutto una lezione importante.
Perché sono comparsi come per magia? Perché prima era molto difficile vederli? Perché improvvisamente hanno contribuito a riempire la piazza, insieme a tanti quarantenni, a tanti anziani e a tante facce nuove?
Cosa mancava prima o, meglio, cosa hanno dato in più le Officine per riuscire a far scendere in piazza tanti giovani?
Una cosa sola, credo (ma è una enormità): la speranza!
Quella speranza che mancava da troppo tempo in Ticino e in tutto il nostro modo di crescere, arricchirci (o impoverirci) e vivere.
Una speranza grande, ricca, fatta di sostegno e solidarietà reciproca, fatta di discussioni, litigate e abbracci, fatta di quotidianità, fatta di grandi competenze e capacità progettuali, tecniche, economiche, politiche e di cultura industriale di grande valore, ma fatta anche di un piatto di pasta  e del suono di un'orchestra.
Una speranza capace di far venire ai giovani  il coraggio, anzi la voglia di guardare avanti. Una speranza capace di convincere tutti che la loro presenza è importante e che, insieme, si può davvero cambiare qualcosa.
Una speranza che è cresciuta, è debordata levitando dalle Officine in tutto il Cantone e si è trasformata, settimana dopo settimana, nella speranza di un intero Paese, dei nostri giovani.
Certo, aggiungendo anche questo a tutte le altre sfide che le Officine incarnano e conducono con decisione (i posti di lavoro, le competenze formative e tecniche, il tessuto industriale, il servizio pubblico, le finanze regionali, ecc., ecc), la responsabilità che sembra incombere sugli scioperanti e sulle Officine è immane!
Ma non è giusto che lo sia. Adesso spetta a tutti noi, al Paese intero, alla politica e ai sindacati, all'economia, alle realtà comunali e alle autorità cantonali imparare la lezione e continuare ad offrire speranza (anche di fronte alle tante batoste che ci cadranno addosso – e la vicenda delle Officine Franzi è lì a ricordarcelo) a chi deve ancora immaginare e costruire la propria vita futura.

Pubblicato

Venerdì 11 Aprile 2008

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022