< Ritorna

Stampa

 

Un pacchetto di cinismo

di

Silvano De Pietro
La battaglia in vista della votazione del 16 maggio sul pacchetto fiscale ne ha viste, come suol dirsi, di cotte e di crude. In un crescendo di contraddizioni che soltanto la politica, con il suo cinismo, può fingere di conciliare. La prima contraddizione è insita nella natura stessa di questi provvedimenti: riducono le tasse ma dovrebbero servire alla politica di risanamento dei conti pubblici. La seconda contraddizione è quella che passa all’interno dei partiti borghesi. Il Pdc vuole una politica sociale a favore della famiglia, ma non sa dire come pensa di finanziarla, dal momento che sostiene misure di risparmio e quelle come questo pacchetto fiscale che in realtà tolgono risorse allo stato e alle politiche sociali. Il Prd e l’Udc, a loro volta, vogliono diminuire la pressione fiscale, cioè le entrate dello stato, ma nello stesso tempo pretendono dai loro rappresentanti negli esecutivi comunali, cantonali e federale di far quadrare i bilanci. Questo spiega le imbarazzanti spaccature interne di questi partiti, dove i vertici decidono una cosa, la base un’altra, ed i rispettivi rappresentanti nei governi cantonali un’altra ancora. Un esempio eclatante è l’Udc zurighese, in aperto e duro contrasto con i suoi ministri cantonali Christian Huber (finanze) e Rita Fuhrer (economia) che si sono decisamente schierati contro il pacchetto fiscale. Ma non è l’unico caso: la situazione si ripete anche rispetto agli altri partiti borghesi e in ben 19 governi cantonali, 11 dei quali in accordo con le rispettive maggioranze parlamentari. E ancora: per la prima volta i cantoni chiedono il referendum su una legge federale. Forse il federalismo non sarà a rischio, ma certamente la coesione e la solidarietà sociale, su cui il federalismo poggia, sono messe a dura prova. Infine, un altro trionfo d’ipocrisia è il voler far passare per più giusto un sistema di tassazione della famiglia che ignora la richiesta di Pro Familia, di Pro Juventute e della stessa Commissione federale per la famiglia, che hanno ripreso una rivendicazione del Pss di qualche anno fa: tutti i contribuenti andrebbero tassati individualmente ed a prescindere dal loro stato civile. È una soluzione già adottata dalla maggior parte dei paesi avanzati: in un’epoca in cui molte donne crescono da sole i propri figli, e le coppie che vivono in concubinato e le famiglie “patchwork” sono sempre più frequenti, francamente non ha più senso tenere in piedi un sistema di tassazione basato sul certificato di matrimonio.

Pubblicato

Venerdì 23 Aprile 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 4 Giugno 2021