< Ritorna

Stampa

 
Spazio Sos

Un occhio di riguardo per i giovani più vulnerabili

di

Alessandro Lucchini

La pandemia – come altre crisi del passato – ha colpito con particolare virulenza le fasce più deboli della popolazione, in particolare i giovani. A livello nazionale, la disoccupazione tra i giovani dai 15 ai 24 anni ha registrato un incremento del 43% tra gennaio 2020 e febbraio 2021.
Le statistiche però mostrano solo una parte del problema: la pandemia ha avuto un impatto pesante e negativo sullo stato d’animo dei giovani, colpendoli psicologicamente e incrementandone il disagio, come ben documentato nel Rapporto coronavirus di Pro Juventute del febbraio 2021.


In questo contesto di precarietà generale, il rischio principale è che i giovani più vulnerabili escano dalla rete delle misure di riduzione della disoccupazione e si trovino abbandonati a loro stessi. Il fenomeno dei cosiddetti “Neet” (Neither in Employment or in Education or Training), giovani non impegnati né nel lavoro o in stage, né nella formazione o apprendistato e neanche nello studio, si è amplificato con la crisi pandemica. Dei giovani attualmente attivi in Ticino, si stima che il 16-18% di questi rischiano di ritrovarsi in questa situazione in futuro. Un dato, quest’ultimo, che è in buona parte spiegabile col numero di giovani che ogni anno abbandona un percorso formativo in una scuola professionale, circa il 15%.


Oggi, ancora più di ieri, per i giovani che si ritrovano in questa condizione si riducono dunque drasticamente le possibilità di rientrare in un percorso di apprendistato o formazione e di essere integrati nel mondo del lavoro in modo stabile e duraturo. L’incremento di questo fenomeno ci deve però rendere attenti anche sulla necessità di affiancare alle importantissime misure di riduzione della disoccupazione, che agiscono quando il “problema” già si è presentato, un’azione il più possibile coordinata di prevenzione.


Durante il mese di novembre 2020 informavamo proprio qui su area del nuovo progetto di SOS Ticino, denominato Coaching TransFair 2 (CT2), indirizzato alla prevenzione della disoccupazione giovanile. A un anno e mezzo di distanza, i positivi risultati ottenuti da questo progetto dimostrano come l’offerta di un sostegno mirato ai giovani nel periodo di poco precedente alla transizione tra un percorso formativo o un apprendistato verso l’inizio di un nuovo lavoro, riesca ad avere un impatto significativo nel limitare gli abbandoni formativi e la probabilità di “caduta” dei giovani in una dipendenza da prestazioni sociali a carattere ricorrente.


Molte sono le organizzazioni e le istituzioni che da anni lavorano in questo ambito sul territorio. In futuro sarà importante mettere in rete l’esperienza maturata per offrire un servizio sempre meno parcellizzato, sempre più integrato e integrante, basato sulle nuove reali necessità dei giovani. Uniti e coordinati riusciremo a rispondere alle nuove sfide del futuro: questo è l’approccio di SOS Ticino anche in questo ambito!

Per informazioni scrivere a: ct2@sos-ti.ch

Pubblicato

Mercoledì 23 Marzo 2022

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019