< Ritorna

Stampa

 

Un calcio al capo?

di

Libano Zanolari
Recentemente il calcio s'è dato arie da azienda senza esserlo: più presidenti e dirigenti hanno volato alto, più, come i monaci citati da Voltaire, hanno mostrato il sedere. Il primato della comicità (involontaria) spetta però alle ditte serie: quelle che invitano i condottieri dello sport a riferire sui segreti del loro successo; i titoli sono sempre gli stessi: «dinamica di gruppo», «pensiero positivo», «volontà di vittoria» e altre baggianate del genere. Pochi giorni fa a Istambul il turco Terim ha saputo di essere stato licenziato dal Milan nel mezzo di un seminario in cui spiegava la differenza fra i costumi di casa (troppa fretta, pressione dei fans) e quelli delle grandi società italiane, che vagliano un progetto (il suo, in questo caso), lo accettano e lo portano a termine; (cambiando allenatore e di conseguenza sovente anche progetto!). In un'azienda normale se la palla non va in goal (leggi scarso profitto o bilanci negativi) i capi (tutti rigorosamente «Chicago Boys») salvano se stessi licenziando il 10-20% del personale, cambiano o spostano la produzione dove i salari sono miserabili, aumentano i ritmi e tolgono ogni possibilità di critica con lo spauracchio della qualifica di fine anno: credere, obbedire, marciare, come ai tempi del fascio. Nel calcio non si può: il «lavoratore-artista» ha troppo peso specifico, troppo potere contrattuale, a causa della sua grande visibilità e presa sul pubblico: se si lamenta trova subito chi lo assume. Nelle aziende invece il lavoratore (sempre più Fantozzi) vale talmente poco agli occhi dei «managers» da aver perso perfino il diritto al nome: viene definito unità. Mezza unità, 3/4 di unità. Il paradosso dell'azienda calcio sta nella sopravvivenza di una certa democrazia proprio nel momento in cui dichiara il suo passaggio al capitalismo e alla logica del profitto. Con 2 clamorose eccezioni: A) contrariamente alle aziende, che per dogma, alla testa d'una pasticceria mettono un macellaio («lo specialista fa solo danni»), nel calcio si cerca chi viene dal mestiere. Quando Cragnotti e Moratti hanno assunto un tecnico di pallavolo (Velasco) hanno capito che mani e piedi non sono la stessa cosa. B). Lo specialista viene licenziato se non vince subito. Nel calcio il capo ha sempre torto. Il boss però ha sempre ragione: vedasi il caso Terim: Berlusconi, «incidentally» anche boss dell'«Azienda Italia» (ipse dixit), lo ha cacciato come aveva già cacciato Zaccheroni. Si era sbagliato. Ora si è corretto.

Pubblicato

Venerdì 16 Novembre 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 18 Novembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019