< Ritorna

Stampa

 

Turbamenti

di

Alberto Nessi
Ancora Hannah Arendt e Le origini del totalitarismo. Perché, in tempi d'indifferenza, di episodi razzisti (c'è addirittura chi sostiene che gli abitanti del sud Italia siano  meno intelligenti di quelli del Nord), di rigurgiti antisemiti, è meglio stare all'erta. Nella seconda parte del suo  libro, la filosofa analizza le componenti delle ideologie totalitarie che hanno dominato sinistramente nella prima parte del Novecento: hitlerismo e stalinismo. Non ideologie che hanno dato vita a dispotismo, tirannide, dittatura, ma molto peggio: movimenti – retti su partito unico, élites fanatizzate, indottrinamento,  polizia segreta, terrore, isolamento e estraniazione degli individui – che  si proponevano di cambiare la natura umana e di conquistare il mondo. Tragici tentativi di disumanizzare l'uomo con il favore della notte e della nebbia, mai visti prima nella storia. I campi di concentramento dove tutto è possibile, dove si sopprime l'unicità della persona, oltre alla sua personalità giuridica e morale, dove domina il male radicale amministrato da burocrati dell'assassinio. I luoghi infernali dove avviene la distruzione  fredda e sistematica di corpi umani ridotti a rifiuti,  a cadaveri viventi. Dove gli ebrei sono parassiti da sterminare, zanzare.  In uno di questi luoghi è morta l'ebrea Anna Frank, la ragazzina di Amsterdam, autrice del noto Diario, deportata a Auschwitz e poi a Bergen Belsen.
Sono cose che ognuno dovrebbe sapere, fin dalla scuola. Ma i leghisti d'Italia se le sono già scordate. Oppure la scala dei loro turbamenti è sballata. Infatti, un parlamentare  leghista  di Monza è stato turbato da una pagina del Diario di Anna Frank in cui la ragazzina «descrive in modo minuzioso le proprie parti intime». Si tratta di uno dei passi esclusi dalla prima edizione e reintrodotti dal padre di Anna tornato da Auschwitz. ll turbamento ha portato l'uomo politico, sollecitato dai genitori brianzoli di una scolaresca di Usmate Velate, a rivolgere un'interpellanza al ministro della Repubblica e a chiedere una sanzione per la maestra  colpevole di aver  letto in classe pagine di quel libro: un piccolo classico delle letture scolastiche, che tutti abbiamo conosciuto o fatto conoscere in classe.
Dunque,  si è turbati  non da una testimonianza che richiama alla memoria  il male indescrivibile  operato dal potere totalitario di Hitler e Stalin,  ma da una ragazzina che  scopre il proprio sesso. Invece di volere una scuola che -a tempo debito, certo- abbia il coraggio di affrontare i temi fondamentali del nostro tempo e di formare uomini  consapevoli, il leghista invita alla censura e all'ignoranza.  Un altro segno di decadenza della società italiana.

Pubblicato

Venerdì 2 Aprile 2010

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

 
..

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 10 Ottobre 2019

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

..
Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019