< Ritorna

Stampa

 
Eurovisioni

Truppe xenofobe scatenate

di

Andreas Rieger

Come si vincono le elezioni? Con l’ostilità nei confronti degli stranieri, come dimostra da trent’anni Christoph Blocher con una propaganda a suon di “pecore nere”, “accoltellatori” e “invasori”. Dopo di lui sono arrivati gli altri: Marine Le Pen in Francia, Viktor Orban in Ungheria, Matteo Salvini in Italia. I partiti di estrema destra si stanno preparando da molto tempo all’appuntamento con le elezioni parlamentari europee del maggio 2019, sebbene siano contro l’Unione europea (Ue). In Germania, la Afd (Alternative für Deutschland, Alternativa per la Germania) con intento sprezzante scrive “Parlamento europeo” tra virgolette. Un parlamento che alla destra estrema piace però come piattaforma di propaganda e fonte di denaro. In modo unitario le forze europee che vi si richiamano hanno deciso sin dall’inizio di porre la questione degli stranieri al centro della loro campagna. Ma come farlo quando non ci sono più molti richiedenti asilo che arrivano nell’Ue? Qui compare il bersaglio salvatore per la campagna elettorale, il surrogato dei problemi veri: il Patto mondiale dell’Onu per le migrazioni, finito nel mirino delle forze xenofobe di tutta Europa.

 

Ma cosa prevede la direttiva? Partendo dalla constatazione che nel mondo vi sono milioni di uomini che emigrano (all’interno del loro Paese, nello Stato vicino e, da tempi più recenti, in giro per mezzo globo terrestre), essa afferma che questa gente deve essere trattata con umanità e deve poter godere di diritti. Gridano allo scandalo quelli che non vogliono vedere la realtà del fenomeno migratorio. «Il Patto Onu per le migrazioni è un invito a tutto il mondo a fare le valige e a venire da noi», sostengono all’unisono i fautori delle politiche anti-stranieri mobilitati contro di essi.


Mentre oltre cento Stati al mondo si preparano alla firma del Patto, in dicembre a Marrakech (Marocco), mezza Europa minaccia di chiamarsi fuori. In Austria l’estrema destra della Fpö ha messo in riga il suo governo, che non intende firmare, in Italia il vice-presidente del Consiglio Salvini vuole fare lo stesso e l’Ungheria, in ogni  caso, pure. D’altro canto, l’Afd in Germania e Le Pen in Francia conducono campagne ossessionanti. L’Udc non vuole naturalmente mancare da questo carrozzone xenofobo. E con essa diversi parlamentari Plr e Ppd, riusciti a contagiare la maggioranza del Consiglio federale che ha rinviato la decisione a dicembre.
Una tragedia dall’epilogo incerto.

Pubblicato

Giovedì 22 Novembre 2018

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

 
..

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Novembre 2020

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

..
Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019