< Ritorna

Stampa

 

Ticinesi maltrattati

di

Libano Zanolari
Il mondo è formato da un centro (Usa) e da una provincia (il resto). Ma come c’è sempre un sud del sud, c’è anche, e sempre, un qualche centro e una qualche provincia in tono minore, all’infinito, sino a certi paesi divisi in "Ca’ da Sura" e "Ca’ da Sota", dove entrambe le frazioni ritengono di rappresentare il centro. In Svizzera il centro è Zurigo: o forse no, ma non importa, perché Zurigo come tale è recepito. Lugano dunque è provincia. O forse no, ma non importa, perché come tale si recepisce: ciò si denota soprattutto dai molti rimproveri che vengono rivolti al centro (a tutti i centri): voglia di mantenere in eterno il potere, arroganza, manipolazione dei giudici-arbitri. Ora a scanso di equivoci il centro (imperiale) si comporta proprio così. Da sempre. Anche nel nostro paese? Nel nostro sistema federale? E, infine, anche nello sport, importante cartina di tornasole degli umori popolari? Se il centro tende al complesso di superiorità la periferia, la provincia, tende a quello d’inferiorità. Il miglior modo per uscire dal circolo vizioso, per noi provinciali, è quello di non avere nessun complesso: né d’inferiorità, né all’opposto, di superiorità, tipico di certe realtà locali ("il n’y en a point comme nous"). Le statistiche di fine stagione del calcio svizzero dicono che Lugano, Bellinzona e Locarno sono le squadre che hanno accumulato il maggior numero di cartellini rossi e gialli: brutti e cattivi insomma. Almeno la metà di questi hanno un’origine non tecnica, ma "culturale": le nostre società, prima ancora che i giocatori, sono convinti in modo preconcetto, che nei nostri confronti c’è malanimo, malafede, che il centro ci vuole "sotto". Pertanto ad ogni fallo arriva la violenta protesta che provoca altri cartellini. E poi arriva la vendetta che provoca ancora una punizione. Un eterno disastro insomma. Con un’altra conseguenza: i nostri dirigenti, allenatori ecc. per principio non ammettono mai un torto loro o dei loro giocatori. Neanche di fronte alla più grossa evidenza, tipo calcioni alle caviglie, sputi, provocazioni. Sempre per un complesso di inferiorità culturale che giustifica certi atteggiamenti con le continue ingiustizie subite e la perenne congiura nei nostri confronti. E allora, persone molto stimate per il loro valore tecnico e per la loro intelligenza diventano patetiche cercando di giustificare l’ingiustificabile, di negare l’innegabile: come le mamme che di fronte al figlio assassino sostengono che è il ragazzo più buono e più generoso al mondo. E se si ammettessero i propri torti? Chiaramente e lealmente? Non dimostrerebbe "superiorità" di stile e di spessore umano e culturale?

Pubblicato

Venerdì 8 Giugno 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 2 Dicembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019