< Ritorna

Stampa

 

Stanley, per esempio

di

Ruth Dreifuss
Sappiamo che nel mondo ci sono regimi odiosi che reprimono ogni forma di opposizione. E sappiamo che ci sono esseri umani che riescono a salvare la loro pelle soltanto se trovano accoglienza e protezione ben lontano da casa loro. Credete che queste persone riescano sempre a farsi emettere un documento d'identità dai loro aguzzini? Sappiamo anche che uomini, donne e perfino bambini vengono scacciati dalle loro case non già da dei persecutori, ma dalla povertà. Attratti come sono dai paesi ricchi sperano di poterci lavorare, di costruirsi lì un'esistenza e di mantenere anche la famiglia rimasta in patria. Capita che, nel tentativo di impedire un rimpatrio, distruggano i loro documenti. Perché con un rimpatrio perderebbero la loro ultima, disperata speranza. In base alla nuova legge sull'asilo la mancanza di documenti d'identificazione costituisce un motivo sufficiente per non entrare nel merito di una domanda d'asilo. La diffidenza nei confronti di coloro che bussano alle nostre porte è così grande che nemmeno in caso di dubbio si riesce più a decidere in loro favore. Che abbiano o che non abbiano documenti, di questa gente si sospetta sempre. Stanley Van Tha, per esempio: diceva di essere perseguitato dal regime birmano. Non gli si credette, proprio perché aveva un passaporto. Accompagnato da due agenti di polizia bernesi fu espulso verso la Birmania nel 2004. E lì fu condannato a 19 anni di carcere. La Svizzera aveva ora la prova che Van Tha aveva detto la verità: ma per lui era ormai troppo tardi. Tutti i richiedenti l'asilo devono avere il diritto ad un esame accurato della loro situazione, al rifiuto dell'arbitrio (vera e propria lotteria della sofferenza) e al beneficio del dubbio. Ecco in realtà cosa dovrebbe garantire una legge sull'asilo. Ma la revisione della Legge sull'asilo va esattamente in senso opposto. Per questo contraddice gli impegni internazionali che la Svizzera si è assunta. Per questo è indegna della Svizzera. E per questo la dobbiamo respingere il 24 settembre prossimo.

Pubblicato

Venerdì 19 Maggio 2006

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019