< Ritorna

Stampa

 
Eurovisioni

Spagna, passa la stretta sul lavoro precario

di

Andreas Rieger

In Spagna, 10 anni fa, i lavoratori ultraquarantenni avevano un posto di lavoro fisso e godevano della protezione contro il licenziamento. I più giovani invece si barcamenavano tra un impiego temporaneo e l’altro. Le critiche a questa spaccatura del mercato del lavoro erano corali.

 

La risposta neoliberista dell’allora primo ministro conservatore Manuel Rajoy è stata semplice: nel 2012 ha tagliato la protezione contro il licenziamento e ha istituito contratti di lavoro ancora più flessibili. In questo modo ha reso più facile il licenziamento delle persone più anziane e un loro impiego a tempo determinato. Rajoy ha anche indebolito la contrattazione collettiva, consentendo così ai padroni di negoziare a livello aziendale salari più bassi di quelli del contratto di categoria e, in una situazione di vuoto contrattuale, di peggiorare le condizioni di lavoro.


Oggi, il mercato del lavoro spagnolo è il più precario dell’Unione europea: un quarto di tutti i contratti di lavoro sono a tempo determinato; e tra i nuovi più della metà! Particolarmente precaria è la situazione nell’edilizia: i lavoratori perdono il posto ogni volta che si conclude una costruzione.


Quando la coalizione di sinistra tra Psoe e Podemos è arrivata al governo ha promesso di combattere la precarietà. La ministra del lavoro Yolanda Díaz nel 2021 ha negoziato un pacchetto di compromesso con il padronato e i sindacati Comisiones Obreras e Unione generale dei lavoratori (Ugt), con cui si definisce che un contratto di lavoro è di regola a tempo indeterminato. In futuro i lavoratori edili verranno assunti in modo permanente. I contratti a termine continueranno a esistere solo per i lavori stagionali e nell’ambito del rimpiazzo di personale. E gli stage sono limitati e regolamentati. I contratti collettivi riacquisiscono forza: le loro disposizioni cardine continuano a valere anche in caso di vuoto contrattuale e i salari previsti dai contratti settoriali hanno la precedenza sugli accordi aziendali. I datori di lavoro dal canto loro beneficeranno dell’introduzione dell’assicurazione statale per il lavoro ridotto.


I partiti di governo Psoe e Podemos hanno approvato questa riforma del lavoro. Ma in parlamento, lo scorso 3 febbraio, si è sfiorato il naufragio. Il partito conservatore era contrario perché continua a difendere con orgoglio la legge neoliberale del 2012. L’estrema destra di Vox ha votato no perché contraria a un rafforzamento dei sindacati. Alcuni partiti autonomisti volevano fare un dispetto alla popolare Yolanda Díaz. «Un deplorevole spettacolo di tattica politica!», si è indignato Unai Sordo, Segretario generale delle Comisiones Obreras. Ma alla fine, grazie a una risicata maggioranza di fortuna (175 sì contro 174 no, perché un deputato conservatore ha votato per errore a favore del testo), la nuova legge è passata. «Una vittoria per i precari», esulta Unai Sordo.

Pubblicato

Giovedì 17 Febbraio 2022

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 15 Settembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019