< Ritorna

Stampa

 
L'editoriale

Se le vittime del lavoro rischiano di passare "inosservate”

di

Claudio Carrer

Come ogni 28 aprile, oggi si celebra la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro, che dal 2005 è dedicata anche alle vittime dell’amianto. Una ricorrenza che ci offre l’occasione per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sui gravissimi danni alla salute a milioni di persone che l’impiego della fibra da più di un secolo a questa parte ha prodotto e che purtroppo continuerà a produrre ancora per molti anni. Nel mondo ogni 5 minuti almeno una persona muore a causa di una malattia causata dall’esposizione all’amianto. Ma il dato fornisce solo un’idea delle dimensioni di questa strage compiuta in piena consapevolezza a danno di lavoratori e cittadini, considerati merce da sacrificare per garantire il profitto di pochi.


È infatti una strage che le statistiche non raccontano compiutamente, che si sta consumando in silenzio, spesso lontano dai luoghi e dal tempo dell’esposizione perché le malattie asbesto-correlate hanno periodi di latenza molto lunghi, anche di 30-40 anni. Succede così per esempio che in Svizzera, patria dell’Eternit e per decenni centrale di comando della lobby mondiale dell’amianto che pianificava a tavolino l’opera di disinformazione dei lavoratori e di occultamento delle evidenze scientifiche sulla pericolosità della fibra, fatichiamo a stabilire il numero dei malati e dei morti (si veda l'articolo correlato del uglio 2016) e non sappiamo nulla di nulla sulla sorte di migliaia di ex immigrati che hanno lavorato in mezzo alla polvere delle nostre fabbriche e nel frattempo sono rientrati nei loro paesi d’origine (in Veneto, in Puglia, in Spagna, in Portogallo) senza più dare notizie e senza che nessuno si interessasse di loro.


Ma il rischio di passare “inosservati” riguarda in generale, e sempre di più, tutte le vittime del lavoro, complici la frantumazione dello stesso e le sue forme atipiche, il precariato, la criminalità d’impresa, la paura di perdere il posto. A differenza che in Italia, in Svizzera il fenomeno delle mancate denunce degli infortuni sul lavoro pare essere ancora molto marginale se non del tutto inesistente, ma la deregolamentazione, il degrado e la crescente precarizzazione delle condizioni d’impiego cui stiamo assistendo devono essere un campanello d’allarme, che in questa giornata ci pare giusto far suonare.

Pubblicato

Giovedì 27 Aprile 2017

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 18 Novembre 2021

Torna su

L'inchiesta
29.06.2016

di 

Claudio Carrer

L'anno scorso in Svizzera sono state vendute 66'332 biciclette elettriche e 112'244 mountainbikes, nelle nostre case vivono 1,35 milioni di gatti, 500 mila cani e 4,5 milioni di pesci, mentre nelle aziende agricole elvetiche si contano 1'554'319 bovini e 1'495'737 suini. Il lettore si tranquillizzi: chi scrive non è caduto in uno stato di confusione mentale. Questo elenco di dati ci serve solo per sottolineare quanto a fondo si possa spingere la ricerca statistica e soprattutto per rilevare come in Svizzera sia per contro estremamente complesso fare luce su una questione ben più importante come per esempio la tragedia dell'amianto: mentre per scoprire le curiosità citate in entrata bastano cinque minuti di tempo e un paio di click sul nostro computer, per stabilire il numero più o meno esatto di persone che sono morte e continuano a morire a causa della fibra killer si deve passare per un percorso a ostacoli.

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019