< Ritorna

Stampa

 

Se a Riva San Vitale non tutti i morti sono uguali

di

Gianfranco Helbling
La notizia di per sé è di minuta cronaca locale. Ma è purtroppo uno dei molti, troppi segni convergenti di un ripiegamento religioso-identitario che anche in Ticino dobbiamo registrare. Il fatto è accaduto questa settimana durante la seduta del Consiglio comunale di Riva San Vitale. Si discuteva del nuovo regolamento del cimitero e dei servizi funebri. E si è discusso anche di quali piccoli simboli religiosi ammettere in cimitero sulle lastre dei loculi. La Commissione delle petizioni, su iniziativa del Gruppo unità di sinistra e Verdi, aveva infatti proposto di permettere la posa di simboli religiosi diversi dalla religione cristiana. In aula l’emendamento è stato sostenuto anche dal gruppo Plr compatto. Contro ha invece votato l’intero gruppo Ppd (compresi i due commissari che avevano sottoscritto il rapporto) e la Lega. Risultato: 11 voti favorevoli, 14 contrari. Motivo: ammettere altri simboli religiosi oltre a quelli cristiani mancherebbe di rispetto alla religione professata dalla maggior parte della popolazione. È decisamente un brutto voto, quello che ci tocca registrare in provenienza da Riva San Vitale. E non consola sapere che questa norma del regolamento comunale sul cimitero in caso di ricorso non reggerebbe certamente ad un esame di costituzionalità, tanto vi è palesemente iscritta una violazione della libertà religiosa che uno Stato laico qual è il nostro non può tollerare. Non consola perché dobbiamo comunque confrontarci ad una maggioranza di consiglieri comunali, espressione di una comunità che li ha eletti, che di fronte al fatto ultimo della morte, quella che in teoria dovrebbe farci tutti uguali, distingue fra cristiani e non cristiani, fra morti di serie A e morti di serie B. Una maggioranza che in nome della maggioranza, ossia di sé stessa, nega alla minoranza il diritto di esistere in quanto tale, ossia nel suo non essere cristiana, e di esprimere la sua fede religiosa in rapporto alla morte, che è quanto di più forte lega intimamente l’individuo all’ultraterreno. Ed ancor più rattrista sapere che il dibattito è stato estremamente pacato e civile, senza apparenti espressioni di razzismo: significa che questo tipo di ragionamenti non è più prerogativa di movimenti politici rozzi, ma che è, come si dice in tedesco, “salonfähig”, politicamente corretto, accettabile e accettato nel più civile dei dibattiti democratici. La decisione del Consiglio comunale di Riva San Vitale non è un fatto isolato nemmeno in Ticino. Il ritorno in forze di un cristianesimo da crociata estremamente intollerante lo si nota anche, ad esempio, nella campagna condotta con ampio ricorso ai media a Chiasso da don Feliciani contro l’abbigliamento troppo disinvolto delle ragazze. Significativo che il parroco di Chiasso si chieda cosa accadrà quando per strada si incroceranno donne con l’ombelico al vento e altre con il velo islamico. Non accadrà nulla, perché vorrà dire che saremo una società davvero aperta e libera. Per ora però si tratta di difendere degli spazi di libertà che l’alleanza della destra nazionalista e del cattolicesimo conservatore sta minacciando. E il primo a doversi interrogare sull’importanza della laicità per un moderno Stato democratico è proprio il Ppd.

Pubblicato

Venerdì 29 Ottobre 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 29 Settembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019