< Ritorna

Stampa

 
Eurovisioni

Sciopero esemplare per le 35 ore

di

Andreas Rieger

I sindacati austriaci di questi tempi sorprendono parecchio: nel settore privato della salute e della socialità sono in atto scioperi per l’ottenimento della settimana lavorativa di 35 ore, che coinvolgono molte giovani infermiere. Come si è arrivati a questo?


I problemi negli istituti sociali e di cura austriaci sono simili a quelli presenti in Svizzera: la pressione sui lavoratori aumenta e i salari del settore sono bassi. Per questo molti professionisti abbandonano prematuramente il mestiere: due su tre escludono di poterlo esercitare fino alla pensione. Molti riducono la loro percentuale d’impiego, nonostante la correlata riduzione dello stipendio: il 70 per cento lavora a tempo parziale. E il numero delle assenze per malattia è elevato. Viene così a mancare personale e la pressione aumenta ulteriormente: è un circolo vizioso.


Solo con la settimana lavorativa di 35 ore si può uscire da questa situazione, sono persuasi i militanti dei due sindacati GPA-djp e Vida. Nell’imminenza del rinnovo del contratto collettivo di lavoro del settore privato delle cure, della salute e della socialità, essi hanno dunque presentato un’unica rivendicazione: il tempo di lavoro settimanale di una persona impiegata al 100 per cento, attualmente di 38 ore, va ridotto di 3 ore. E a parità di salario. Per gli impiegati a tempo parziale che manterrebbero l’attuale numero di ore ciò equivarrebbe ad un aumento salariale dell’8,6 per cento.


Sono già settimane che i partner sociali negoziano sul nuovo contratto collettivo (valido per 125mila impiegati), ma i datori di lavoro si sono intestarditi. Il partito conservatore di governo Övp è intervenuto presso di loro e i sindacati hanno già dato vita a due ondate di sciopero.


Sulla questione della riduzione del tempo di lavoro noi sindacati non abbiamo fatto tanti progressi negli ultimi anni. Al contrario: il padronato spinge sull’acceleratore della flessibilità, per settimane lavorative di oltre 60 ore. Il valore di questa vertenza sindacale austriaca è dunque enorme. Le lavoratrici in sciopero sono pioniere di un’inversione di tendenza anche altrove. La presidente del sindacato austriaco GPA-djp (organizzazione omologa di Unia) Barbara Teiber afferma: «Quello che facciamo nel settore delle cure e della socialità ha un effetto di richiamo in tutti gli altri».

Pubblicato

Venerdì 13 Marzo 2020

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 23 Settembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019