< Ritorna

Stampa

 

Rivalità e tensioni insite nello sport

di

Antonio Bolzani
Tante volte è difficile raccapezzarsi nel grande e rutilante mondo dello sport. Recentemente, in Ticino, abbiamo visto dimissionare alcuni dirigenti che sembravano molto convinti di quello che stavano facendo: pensiamo al presidente dell’Ambrì Piotta Carlo Barbieri, a quello del Fc Chiasso Massimiliano Schiavi, al direttore tecnico delle Federazione ticinese di ciclismo Alfio Peducci, degli uomini sicuramente appassionati e “devoti” alla causa agonistica che hanno lasciato per motivi personali la loro carica. Le ragioni di questi abbandoni sono probabilmente riconducibili ad un certo malessere e all’incompatibilità tra visioni diverse di intendere e concepire il club; insomma, le difficoltà di far passare un certo tipo di impostazione e di filosofia di pensiero all’interno di un comitato frenano e poi spengono gli entusiasmi iniziali. Mi si dirà che è normale quando sono coinvolte diverse persone a gestire i destini di una società; sarà anche prassi corrente che la presenza di differenti modi di pensare e di agire, provochi qualche defezione, ma è in ogni caso un segnale allarmante quando dal “carrozzone” sportivo cominciano a scendere dei dirigenti che, al di là delle loro competenze, avevano iniziato la loro opera con tanta buona volontà e lodevoli intenti. È un’indicazione preoccupante poiché nello sport non abbondano certo delle persone disposte a prendersi delle responsabilità dirigenziali; inoltre, queste partenze lasciano spesso delle ferite aperte. Su questa situazione si è opportunamente soffermato il collega Mauro Giacometti nell’edizione di domenica scorsa de “Il Caffè”, sottolineando il suo stupore per «la litigiosità che caratterizza i dirigenti ticinesi negli ultimi tempi. Nel calcio, nell’hockey su ghiaccio, nel basket e persino nel ciclismo cantonale c’è molto nervosismo, tensione, vecchie e nuove ruggini che vengono a galla (...)». È un peccato, perché frequentemente si perdono per strada delle forze trainanti e dall’elevato potenziale di idee e di progetti. Lo sport è anche questo, ma non solo. Ad esempio, nelle ultime settimane l’Italia calcistica si è giustamente indignata per il trattamento riservato dalla critica spagnola ad un football azzurro che distrugge il gioco degli altri, che attraverso la furbizia e la speculazione ottiene dei risultati ampiamente superiori ai suoi meriti. Non è affatto vero, la partita di Manchester di mercoledì prossimo tra la Juventus ed il Milan è una degnissima sfida di finale; al Real Madrid vanno comunque i complimenti per le straordinarie qualità dei suoi campioni e per la splendida dignità con la quale ha accettato la sconfitta di Torino. I fuoriclasse di Del Bosque hanno interpretato l’incontro con impeccabile fair-play e con estrema correttezza, lasciando il campo a testa alta. Chapeau! Cartellino giallo, invece, agli organizzatori del Tour de France: l’esclusione di Mario Cipollini, il miglior velocista di tutti i tempi, è inaccettabile e insensata ed è un grosso danno d’immagine per lo stesso Tour.

Pubblicato

Venerdì 23 Maggio 2003

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019