< Ritorna

Stampa

L'editoriale

Riforma dell’Avs, un’altra via è possibile

di

Claudio Carrer

C’è un mondo reale in cui le pensionate e i pensionati fanno sempre più fatica, anche nella ricca Svizzera, a tirare la fine del mese. E c’è una politica che dovrebbe dare delle risposte, ma che, come se operasse da un pianeta lontano, sa solo proporre tagli alle rendite e misure di risparmio sulle spalle delle donne, cioè della categoria che già soffre per le discriminazioni di genere insite nel sistema pensionistico elvetico e che si traducono con (mediamente) un terzo di rendita di vecchiaia in meno rispetto agli uomini. Ma c’è anche un movimento sindacale che sa offrire un’altra prospettiva: quella di assicurare una vecchiaia dignitosa a tutte e tutti. L’iniziativa popolare per una tredicesima mensilità Avs depositata oggi alla Cancelleria federale corredata di 140.000 firme (e che dunque sarà sottoposta a votazione), va proprio in questa direzione, perché propone un rafforzamento di quella che in Svizzera è l’assicurazione sociale per eccellenza.


L’introduzione di una tredicesima permetterebbe infatti di migliorare la condizione di vita dei pensionati più poveri e soprattutto di tante donne, spesso penalizzate per aver lavorato a tempo parziale essendosi dovute sobbarcare lavori di cura e di custodia dei figli. Penalizzate per non aver avuto accesso alla previdenza professionale e dunque costrette a vivere la vecchiaia con la sola Avs o comunque con rendite sensibilmente inferiori a quelle degli uomini.

 

L’iniziativa ha il pregio di essere assolutamente finanziabile, per esempio con una parte degli utili miliardari della Banca nazionale, soldi che appartengono al popolo. Con i 38 miliardi conseguiti nel solo primo trimestre del 2021 si coprirebbero i costi di una tredicesima Avs per dieci anni.


Il successo dell’iniziativa popolare dei sindacati (la prima a riuscire dall’inizio della pandemia) giunge proprio mentre il Parlamento si appresta a varare un’inaccettabile riforma dell’Avs (la cosiddetta Avs21) che, per «stabilizzarne le finanze» prevede l’innalzamento a 65 anni dell’età pensionabile delle donne. Un’ipotesi che le cittadine e i cittadini svizzeri hanno già rifiutato due volte in votazione popolare ma che il Consiglio federale (con in testa il ministro socialista Berset), la maggioranza delle forze politiche presenti in Parlamento e il padronato si ostinano a considerare come l’unica via percorribile.


L’iter parlamentare non è ancora concluso ed è possibile che il Consiglio nazionale (che se ne occuperà durante la sessione estiva che si apre il 31 maggio) adotti qualche correzione di cosmesi, ma i contenuti della riforma sono già chiarissimi: uno smantellamento dei diritti e una riduzione delle rendite realizzati dietro il paravento dell’uguaglianza e dell’emergenza finanziaria nonché un “atto preparatorio” in vista di interventi ancora più brutali, in particolare di un innalzamento generalizzato per tutti dell’età pensionabile a 67 o 68 anni. Una prospettiva nefasta, irrispettosa delle persone e contraddittoria in un mercato del lavoro a cui i giovani faticano sempre di più ad accedere e dal quale i “vecchi” vengono espulsi.


Altrettanto chiaro è che per fare gli interessi delle lavoratrici e dei lavoratori e di tutti i cittadini la via da seguire è quella di un rafforzamento dell’Avs e non certo quello di un suo smantellamento. Le soluzioni per il finanziamento ci sono e se la priorità è di garantire finalmente delle rendite dignitose, la risposta non può essere quella di prolungare la vita lavorativa e di tagliare prestazioni. L’impegno dei sindacati per una tredicesima Avs e contro Avs 21 offre prospettive decisamente migliori ai pensionati di oggi e di domani.

Pubblicato

Giovedì 27 Maggio 2021

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Mercoledì 23 Giugno 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019