< Ritorna

Stampa

 

Reddito di base, l’ultima utopia

di

Martino Rossi
Prima mangiare poi filosofare: così dice la saggezza popolare. Tuttavia, “filosofare” (riflettere, esprimere visioni, progettare il futuro) può servire domani a “mangiare” meglio, tutti, di più (per chi ne ha bisogno). Proprio in questi giorni, centinaia di ospiti dell’Ufficio Internazionale del Lavoro sono riuniti a Ginevra a filosofare sull’“ultima utopia”. Quale utopia? Sta nel nome del promotore dell’incontro, il Bien: Basic Income European Network (rete europea per il reddito di base). Ma cos’è il Basic Income, o "reddito di cittadinanza" o "assegno universale" (Au)? Il principio è semplice, e i suoi fondamenti economici, sociali ed etici sono convincenti. Il principio dell’Au è il seguente: una quota del prodotto nazionale (valore dei beni e servizi prodotti in un anno) è ripartita fra tutti gli individui, in misura uguale e senza condizioni (non bisogna essere poveri, né occorre lavorare). Il rimanente è ancora distribuito come rimunerazione del lavoro effettuato e del risparmio investito, per salvaguardare gli incentivi a produrre. Dal punto di vista economico e sociale, l’Au è possibile, desiderabile e persino necessario per rimediare a due tendenze rischiose: il capitale e la sua remunerazione (interessi, dividendi) sono sempre più concentrati in poche mani; il lavoro stabile e ben retribuito si riduce a favore di quello precario e mal pagato. Il rischio è triplice: la domanda è insufficiente ad assorbire ciò che il mercato offre (crisi di sovrapproduzione); il sentimento di ingiustizia cresce e dissolve la coesione sociale; il sistema sempre più complesso di sicurezza sociale è minacciato da sollecitazioni eccessive. Dal punto di vista della teoria della giustizia, l’Au è molto pertinente. Chiediamoci: perché oggi il reddito pro-capite è 50 volta superiore a quello di due secoli fa, agli albori della rivoluzione industriale? Lavoriamo molto di più? Certamente no. La ragione è che noi abbiamo ereditato un immenso patrimonio di conoscenze scientifiche, di scoperte tecnologiche, di innovazioni organizzative ed economiche, di infrastrutture materiali e culturali di cui non abbiamo alcun merito individuale. Questo patrimonio appartiene a tutti: ai ricchi e ai poveri, a chi lavora e a chi no, a chi ha talento e a chi non ne ha. Esso genera una parte rilevante di quanto l’attività economica produce. Per questo, è giusto che una parte del reddito venga ripartita fra tutti, indipendentemente dalla quantità del lavoro prestato e del capitale posseduto e investito. Ma, direte voi, tra il dire e il fare c’è di mezzo… l’Alaska, dove l’Au, in forma embrionale, è stato introdotto esattamente 20 anni fa. Quel piccolo stato è proprietario di giacimenti petroliferi. Una parte dei diritti di sfruttamento viene accumulata in un fondo che, investito, procura una rendita annua, che viene poi distribuita in modo uniforme e incondizionato a tutti gli abitanti. È un inizio… Per saperne di più: www. basicincome.org

Pubblicato

Venerdì 13 Settembre 2002

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019