< Ritorna

Stampa

 
Spazio Sos

Quel popolo di invisibili

di

Mario Amato

Si è detto che i virus, in qualche modo, sono democratici, colpiscono in maniera indifferenziata, senza fare distinzioni tra status sociale, origini culturali e di provenienza. C’è un popolo di invisibili, tuttavia, che sembra essere colpito più duramente di altri dall’attuale emergenza pandemica e rispetto al quale questo carattere di asserita democraticità dei virus non ha svolto alcun ruolo: questo popolo invisibile è quello dei migranti.

 

Invisibile perché, di fronte ai rischi di repressione e di espulsione, tende a mettere le esigenze di tutela della salute in secondo piano, aumentando così il rischio di contagio personale e di diffusione in generale del virus. Ma i migranti sono un popolo di invisibili anche perché, nel marasma provocato dalla pandemia, la loro condizione esistenziale è passata in secondo piano, complice la chiusura delle frontiere e i maggiori controlli sulle tradizionali rotte migratorie. Certo, recentemente è balzato agli onori della cronaca, per la drammaticità della situazione da anni denunciata dalle organizzazioni umanitarie internazionali, la situazione del campo profughi di Moira, sull’isola greca di Lesbo, distrutto il 9 settembre scorso da un devastante incendio che ha compromesso l’80% della struttura e ha lasciato sulla strada 12.000 migranti, tra i quali diverse decine affetti da Covid-19.

 

Ma vi è un altro Paese, di cui si parlava poco già prima dell’attuale pandemia, da cinque anni coinvolto in una guerra violenta, la cui condizione dei profughi e migranti ha raggiunto livelli altissimi di drammaticità, lo Yemen. Il conflitto interno è cominciato nel marzo 2015 e vede contrapposti, da un lato, gli huti, un movimento religioso e politico sciita che aveva appoggiato l’ex presidente Saleh, destituito e ucciso nel dicembre 2018 e, dall’altro, le forze del Presidente Mansur, rovesciato dagli huti con un colpo di Stato nel gennaio 2015. Qui il Covid-19 non ha fermato la guerra, i massacri continuano e, come sempre accade, i più colpiti sono anche i più inermi a reagire: bambini, donne, persone vulnerabili, popolazione civile e migranti. Forse non tutti sanno che lo Yemen è un Paese chiave nella rotta migratoria via mare – Golfo di Aden – tra gli Stati dell’Africa orientale e i Paesi del Golfo. Nel 2018 gli sbarchi in questo Paese martoriato dalla guerra e dalla carestia, hanno superato quota 150.000, più di quanti ne sono arrivati in Europa nello stesso periodo. Etiopi, somali, eritrei, in fuga da guerra, persecuzioni e fame, sbarcano in Yemen con la speranza di raggiungere i Paesi del Golfo, Arabia Saudita in testa. Ma quest’anno, complice anche il coronavirus, il viaggio della speranza si è interrotto in questo disastrato Paese del Golfo. Sono circa 15.000 i profughi bloccati nello Yemen senza cibo, acqua potabile, maltrattati e picchiati e ora additati e cacciati come untori del coronavirus. L’invisibile si è palesato e ha il volto della paura.

Pubblicato

Giovedì 24 Settembre 2020

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Mercoledì 23 Giugno 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019