< Ritorna

Stampa

 

Quando l’individuo diventa un numero

di

Tatiana Lurati Grassi
Negli ultimi due numeri di area sono apparsi articoli interessanti su cui esprimere alcune riflessioni: uno in cui Veronica Galster discuteva e presentava quali sono i costi indiretti che sosteniamo a causa di problemi di salute fisici, ma soprattutto mentali causati dalle condizioni di lavoro. L'altro articolo di Anna Maria Merlo in cui si parla di France Telecom, dove i suicidi, a quanto mi è dato sapere sono finora attestati a venticinque persone.
Viene da chiedersi come il management dell'azienda non si sia chiesto prima quali fossero le reali ragioni che hanno spinto ben venticinque persone a togliersi la vita. In tutti i casi ricorrere al suicidio significa che il malessere che queste persone dovevano provare era ben radicato e profondo. Stiamo parlando di donne e uomini, con famiglie a carico, che hanno deciso di lasciare questo mondo, piuttosto che continuare a vivere e lavorare in condizioni disumane. La vita di una persona non ha prezzo e oggi se siamo giunti a questo punto, credo che abbiamo davvero toccato il fondo!!!
La tematica delle condizioni di lavoro ricorre oramai da diversi anni e viene sempre più spesso correlata ai malesseri che attanagliano la nostra società, legata allo stato psichico della persona. I cambiamenti avvenuti con l'aumento dei ritmi e della mole di lavoro e la conseguente diminuzione del personale per ottenere una maggiore (?) produttività non lasciano scampo al lavoratore e alla lavoratrice. Si è costretti a svolgere il doppio o il triplo dei compiti, avendo sempre meno tempo a disposizione per farlo. Il tempo è denaro, sembra essere lo slogan del management che dirigono le imprese.
L'individuo in quanto tale viene considerato alla stregua di un numero, come una macchina-robot, che deve eseguire unicamente i compiti che gli sono affidati, senza la possibilità di potersi esprimere. Queste condizioni non permettono più al lavoratore di sentirsi utile e apprezzato, di conseguenza l'autostima viene fatta a brandelli.
L'autostima è un elemento importantissimo per le persone e soprattutto il riconoscimento del lavoro svolto. Purtroppo oggi sono sempre più rari i casi di direzioni aziendali che elogiano i propri lavoratori.
D'altra parte i lavoratori per tenersi stretto il proprio posto di lavoro allacciano sempre meno relazioni di fiducia tra colleghi, la solidarietà fra colleghi va scemando e quindi ognuno vive nel proprio spazio, rintanato nei propri problemi e non ci si accorge più del vicino. La solidarietà fra lavoratori va preservata e non solo quella. In questo caso il detto "l'unione fa la forza" è veritiero per combattere certe situazioni. Siamo proprio sicuri di voler continuare in questa direzione? È questo il mondo del lavoro che vogliamo? 

Pubblicato

Venerdì 6 Novembre 2009

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019