< Ritorna

Stampa

 
Eurovisioni

Progressi fermi al semaforo

di

Andreas Rieger

L’avanzata dei socialdemocratici e dei verdi in estate ha risvegliato speranza di cambiamento in Germania. Entrambi i partiti promettevano una svolta ecologica e sociale. Un salario minimo di 12 euro e la sicurezza pensionistica erano al centro della campagna del candidato alla Cancelleria Olaf Scholz. Ma il risultato delle elezioni di fine settembre è bastato solo per costituire un esecutivo di coalizione, cosiddetto “a semaforo”, con i liberisti della Fdp. Con tutte le conseguenze che questo comporta per il programma di governo, in cui i progressi sono dimezzati: un ambizioso programma di riconversione ecologica è sì previsto, ma al tempo stesso è stato cancellato l’aumento delle imposte per i ricchi con cui lo si sarebbe potuto finanziare. E il freno all’indebitamento, sospeso tra il 2020 e il 2022, verrà reintrodotto nel 2023.


L’innalzamento del salario minimo legale dagli attuali 9,60 a 12 euro si realizzerà. E ciò rappresenta un indiscusso successo della campagna dei sindacati, che comporterà migliori retribuzioni per 10 milioni di persone. Anche il previsto rafforzamento dei contratti collettivi nell’ambito degli appalti pubblici è un passo in avanti. Invano i sindacati hanno cercato di facilitare la possibilità di dichiararli di forza obbligatoria. Che la Fdp si sia messa di traverso lo si vede anche nella regolamentazione del mercato del lavoro: il lavoro su chiamata, il lavoro temporaneo e i contratti a tempo determinato abbonderanno anche sotto il governo “a semaforo”. E lo stesso vale per i mini-job, senza previdenza sociale e vantaggiosi per i padroni.


Un progresso previsto lo si deve agli scioperi del personale infermieristico: la coalizione ha stanziato 1 miliardo per un bonus infermieristico e una migliore organizzazione dell’orario di lavoro. Progressi reali, che noi in Svizzera possiamo solo sognare, si registrano invece nell’ambito del diritto dei salariati alla formazione professionale continua (congedi e finanziamento) e in quello della partecipazione dei lavoratori, in particolare attraverso maggiori tutele dei consigli di fabbrica e l’«accesso digitale alle aziende» per i sindacati.


La coalizione semaforo promette anche di fermare la diminuzione delle pensioni di vecchiaia in corso da anni. Ma per il futuro è previsto solo un parziale adeguamento delle rendite all’evoluzione dei salari, il che a lungo termine avrà «effetti fatali», prevede il presidente dell’Unione sindacale tedesca Reiner Hoffmann.


I progressi pianificati sono insomma stati dimezzati già in partenza dal nuovo governo rosso-verde-giallo. Ma nonostante questo, nel quadro europeo esso sostiene i piani di stampo progressista come quello per una direttiva europea per migliori salari minimi e più contratti collettivi o quelli per la riconversione ecologica.

Pubblicato

Giovedì 2 Dicembre 2021

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019