< Ritorna

Stampa

 

"Prima noi”: ovunque lo stesso slogan

di

Andreas Rieger

Il concetto è stato al centro del discorso d'insediamento come presidente di Donald Trump: «Da oggi in avanti una nuova visione governerà il nostro paese: America first!». Un filo conduttore a cui si è attenuto. Prima vengono i potenti, che lui vuole rendere ancora più forti: le banche americane devono essere sgravate e vanno concessi più soldi all'esercito. Per ultimi vengono i deboli. I sans-papiers Trump li espelle a migliaia e l'aiuto allo sviluppo lo cancella. Ai messicani vorrebbe invece far pagare il muro che lui intende innalzare lungo la frontiera.
In Europa sono in molti e già da tempo a seguire la linea politica di Trump: «La France d'abord», prima la Francia, è lo storico grido di battaglia del Front national, che dopo il citato discorso di Trump ironizzava: “Il presidente Usa ha rubato il programma di Marine Le Pen”. Lei vuole rafforzare tutto ciò che è francese e indebolire i paesi esteri e l'Unione europea. E soprattutto i più fragili del suo paese, gli immigrati. “British first” è lo slogan dell'estrema destra in Gran Bretagna. Secondo questa logica della “Gran Bretagna prima dell'Ue”, i conservatori hanno ottenuto la Brexit (la decisione di distaccarsi dall'Ue, ndr) e oggi la prima ministra Theresa May governa.


La propria nazione ha priorità assoluta anche per i governi di Polonia e Ungheria. “Prima l'Ungheria” si rivolge contro l'Ue, contro i Rom, contro i profughi e contro le organizzazioni non governative. E naturalmente anche noi in Svizzera conosciamo questo genere di nazionalismo di destra, incarnato dall'Udc e dalla Lega dei Ticinesi. In Ticino entrambi i partiti agiscono all'insegna dello slogan “prima i nostri”.


Ma “prima noi” non lo dicono solo i nazionalisti. I neoliberisti si ispirano allo stesso principio con la loro idea di concorrenza territoriale. Ogni paese, ogni cantone deve posizionarsi tra i primi e innalzare costantemente la competitività rispetto ai concorrenti. Attraverso meno imposte e con salari inferiori. “Tutti contro tutti” è il gioco preferito dai neoliberisti.


Il principio dei sindacati è radicalmente differente: cooperare, collaborare. Non tutti possono essere primi. E nemmeno secondi o terzi. È per questo che il 1° maggio, festa del lavoro, in tutto il mondo abbiamo ripetuto “Insieme siamo più forti”.

Pubblicato

Mercoledì 10 Maggio 2017

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 23 Settembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019