< Ritorna

Stampa

 
La mano invisibile

Prima il potere economico

di

Silvano Toppi

Tre informazioni apparse in questi giorni hanno sicuramente attirato l’attenzione anche di chi trova ostica la finanza.


L’una è sembrata farlocca, ma non lo è. La Borsa di Hong Kong, nonostante ciò che sta capitando da una parte e dall’altra (Brexit), offre 39 miliardi di dollari per acquistare il London Stock Exchange, la Borsa di Londra. Non avverrà, titolano i giornali inglesi; è per noi un simbolo, come la guida a sinistra o i bus a due piani. I finanzieri sono più cauti: niente è impossibile, soprattutto se appare inevitabile. Due anni fa non c’è forse già stato il tentativo di fusionare la Deutsche Börse e la Borsa di Londra? Erano molto più incompatibili (Hong Kong è Cina, d’accordo, ma è finanziariamente inglese). Quella fusione “europea” fu bloccata dalla Commissione di Bruxelles per motivi di concorrenza. A Zurigo ringraziarono persino gli Udc eurofobi.

 

Questi tentativi capitano per una ragione: le Borse sono grosse imprese di ingegneria informatica, costrette a far volume per essere produttive e non sommerse da Wall Street. Decidono i regolatori finanziari; gli algoritmi impongono le scelte; bastano alcuni esperti che costano, diventano superflue molte persone. Saranno quindi sempre in pochi a condurre il gioco finanziario del mondo e a decidere le sorti di tutti. Di questa sorta di totalitarismo non si parla. Neppure se regolatori e algoritmi non sembrano capaci di evitarci un’altra crisi che è nell’aria (vedi ultimi dati Ocse).


La seconda informazione sembra la controprova della precedente. “Continua l’ecatombe sociale nella finanza europea”: titola un quotidiano finanziario inglese. La notizia è derivata da un rapporto della Banca centrale europea (Bce): il sistema bancario europeo ha perso in un solo anno 70mila posti di lavoro; oggi gli effettivi sono al punto più basso di vent’anni fa, ma tutte le grandi banche annunciano ancora tagli del 20 per cento. Lapidario il commento dell’analista della Bce: «Il settore bancario sta vivendo ciò che ha vissuto la siderurgia». Al ticinese suonano alle orecchie le vicende della Monteforno, asse portante dell’industria, e pensa al settore bancario, asse portante di tutta l’economia. E in parte a ciò che sta già capitando.


La terza informazione ha doppia stravaganza: per come viene formulata, perché la Svizzera la pratica. Le banche centrali-nazionali stanno imitando il mercato del football (dice la famosa agenzia Bloomberg). Si contendono a suon di milioni gli amministratori senza più badare alla nazionalità: un canadese alla Banca d’Inghilterra, un britannico a quella irlandese, un americano a quella israeliana e via dicendo. Le banche centrali, che fanno la politica monetaria, seguono ciò che grosse banche o grandi imprese fanno da tempo, cercano i migliori dirigenti stranieri.

 

Presidente del Credito Svizzero è un africano-ivoriano, succeduto a sua volta ad un americano, fatto inimmaginabile ancora negli anni Ottanta in cui per accedere a un posto del genere dovevi essere svizzero, preferibilmente svizzero-tedesco e liberale-radicale, graduato nell’esercito. Negli anni 80 avevamo ancora in Parlamento 42 amministratori o direttori generali delle 110 maggiori imprese. Sono scesi a una decina. Forse perché si  addomestica meglio  la politica fuori dal Parlamento e perché uno straniero non può ancora essere eletto in Parlamento? O forse perché il solo mercato svizzero non può rappresentare la colonna vertebrale di una grande banca o di una multinazionale e deve ricorrere a “managers” stranieri per darsi una immagine internazionale?

 

L’economia si fa quindi un baffo degli alfieri dei “prima i nostri” e dei vermifughi contro i vermi che si mangiano la mela di Tell. Anche se il potere economico cammina quasi sempre di pari passo con quelli quando si trova di fronte i lavoratori, che vorrebbero qualcosa di più.

Pubblicato

Mercoledì 25 Settembre 2019

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019