< Ritorna

Stampa

 

Prezzi alti, è l'ora di agire

di

Paolo Riva
In Svizzera i prezzi sono generalmente troppo alti, rispetto a paesi con stili di vita paragonabili. Non si tratta di una novità, ma mai come ora la questione è stata messa in evidenza. I mass media stanno dedicando parecchio spazio alle voci di denuncia che si sono moltiplicate in questi ultimi mesi, e questa è di per se una buona notizia. Politici, economisti, imprenditori e sindacalisti, tutti sono concordi nell’affermare che da noi si paga fino al 30 per cento di più anche per generi di prima necessità, e il dibattito pubblico è decisamente aperto. Bene, dico io, immaginandomi che un dibattito pubblico debba in qualche modo servire ad esporre tesi e raccogliere idee per la risoluzione del problema. Invece, almeno per ora, ci si limita a denunciare lo status quo e in qualche modo a giustificarlo. In sostanza le parti in causa dichiarano il loro assenso circa la diagnosi, ma non si sentono responsabili per quanto riguarda la ricerca della cura. Ci sono elementi che stridono, in questa discussione, come l’immediata richiesta di diminuzione dei salari da parte di certe cerchie del padronato, non appena i prezzi dovessero calare, oppure l’accanimento con il quale gli importatori difendono i propri privilegi, salvo poi dichiararsi pubblicamente concordi ad una diminuzione generalizzata dei prezzi. Di fatto esercizi di stile che non danno nessun contributo pratico al mutamento in meglio della situazione, e contro i quali si leva una sola voce, chiara e forte, ma purtroppo svuotata di potere… Si tratta di Mister Prezzi, al secolo Rudolf Strahm, un moderno Don Chisciotte che ha calcolato in dieci miliardi all’anno il potenziale di risparmio a livello nazionale, solo sui beni di importazione. Resta da capire quando, chi il potere lo detiene veramente, deciderà di far beneficiare tutti, di questa immensa possibilità di migliorare la propria situazione economica. Speriamo presto…

Pubblicato

Venerdì 4 Marzo 2005

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019