di

“Predatori del mondo intero, adesso che mancano terre alla loro sete di totale devastazione, vanno a fragare anche il mare: avidi se il nemico è ricco, arroganti se povero, gente che né l’oriente, né l’occidente possono saziare; loro soli bramano possedere con pari smania ricchezze e miseria. Rubano, massacrano, rapinano e con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto, lo chiamano pace”. Tacito (“Vita di Agricola”, 98 d.C.)

Pubblicato il 

11.04.03

Edizione cartacea

Rubrica

 
Nessun articolo correlato