< Ritorna

Stampa

 

Perché il Milan non regala qualche punto?

di

Antonio Bolzani
L’attualità delle ultime settimane è stata certo generosa di spunti, alcuni tragici come ad esempio la morte di Marco Pantani ed altri divertenti (ma per certi versi anche preoccupanti) come le esternazioni tattiche di un Berlusconi incontenibile. Interessante, a questo proposito, quanto ha scritto Michele Serra su “la Repubblica” del 24 febbraio: «Sbucare da ogni cantone, da ogni video, vantandosi di essere Berlusconi alla lunga suscita, anche nei passanti più distratti, un senso di indifferenza prima, di saturazione poi, infine di esasperazione. E tra gli ingredienti più importanti dell’umor popolare c’è quella variante primaria del buon senso che è il senso del limite. Anche il più potente dei Grandi Fratelli ci mette un attimo a diventare solo uno zio invadente». L’invadenza mediatica ed il senso del limite: il problema sta proprio qui, nel capire e valutare quando non bisogna andare oltre i confini dello sfinimento. Ed il Cavaliere, con quella sua orgogliosa e tracimante petulanza, queste frontiere le valica oramai quotidianamente: peccato che nella vicenda “Ancelotti e le due punte”, il mister rossonero non abbia rassegnato le dimissioni. Sarebbe stato un gesto forte, esemplare e coraggioso; probabilmente però il buon Carletto ha fatto due conti e ha così abbassato la testa. Di limiti ne sono stati superati molti anche nella triste storia di Pantani: troppi hanno sbandierato, alcuni anche ipocritamente, la loro opinione su un dramma che non ha dei colpevoli. Deve far riflettere, invece, come ha ben ricordato Umberto Galimberti su “la Repubblica” del 18 febbraio, «l’assoluta solitudine in cui era stato lasciato negli ultimi anni, quando le glorie del campione cedevano il posto alle sofferenze mute e forse abissali dell’uomo. Educati come siamo alla cultura dell’applauso non sappiamo neanche dove sta di casa la cultura dell’ascolto», una cultura più attenta alla solitudine degli uomini. Ci entusiasmiamo per le prodezze dei campioni e ci esaltiamo per le vittorie: giusto e legittimo, ma lo sport è anche sconfitta o, se volete, semplicissima, nobile e onorevole partecipazione. Sarà scontato, ma giova ribadirlo in una società in cui conta soprattutto vincere perché vincere significa avere successo, ma soprattutto possedere il potere e i soldi. Le degenerazioni e gli eccessi dello sport odierno sono visibilissimi: il doping, i club con dei bilanci improponibili e catastrofici, la disarmante omologazione degli atleti, i continui capricci di vere o presunte star e via di questo passo, il tutto perché il carrozzone sportivo deve andare avanti, più avanti possibile, a qualsiasi costo. Per riconciliarsi con lo sport che conta, quello dei veri valori, dei sentimenti e degli ideali, vi consiglio due splendidi libri, entrambi editi dalla Mondadori. Il primo è di Jorge Valdano e s’intitola "Il sogno di Futbolandia. Appunti di vita e di calcio": è un eccellente antidoto al calcio “geneticamente modificato” dei nostri giorni. Il secondo, "Lettera a mio figlio sul calcio" di Darwin Pastorin, è un tenero racconto di un calcio dignitoso e a misura d’uomo. E a proposito di figli, quando il mio che ha quasi sette anni mi dice «Papà, perché il Milan non dà qualche punto all’Ancona?», lo guardo e, con infinito amore paterno, gli rispondo: «Sì Giovanni, sarebbe bello !».

Pubblicato

Venerdì 5 Marzo 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 2 Dicembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019