< Ritorna

Stampa

 

Pathopolis

di

Alberto Nessi
Uno dei mali della nostra provincia (ma esiste ancora la provincia? esiste ancora il centro? non è tutto periferia?) è la perdita della memoria. O meglio. Si sa tutto del vicino di casa, si pettegola sul contingente ma si dimentica l'essenziale. Si dimentica la storia del paese con i problemi che ci ha lasciato in eredità e si preferisce buttarsi sulle beghe paesane: è nota la litigiosità dei ticinesi, diventata luogo comune. Uno dei pregi del libro (*) che raccoglie una scelta di scritti di Tita Carloni apparsi su questo giornale, è quello di ricordare al lettore che cosa significa vivere con consapevolezza nel Canton Ticino. Conoscere il territorio, le sue bellezze, le sue insidie.
Il panorama è preciso e spietato, scritto in una prosa senza enfasi, vivace, talvolta divertita. Lo scrittore conosce tutto del nostro paese, perché gli vuole bene. Cioè, vuole il suo bene. E per questo lancia sottili strali che colpiscono sempre il bersaglio: può essere la cacofonia estetica, la mania del massimo profitto e dello sviluppo senza limiti, lo spazio pubblico ridotto a spazio del consumo, la città malata (ecco il significato di Pathopolis). Ma i suoi non sono strali velenosi. Strali sconsolati, direi. Tita Carloni è un illuminista che sorride malinconicamente sulle nostre miserie. E rivela, in queste prose brevi, una fresca vena narrativa, come nel finale di "Brutte storie di lago", per limitarmi a un esempio. La sua mano è leggera e, insieme, incisiva. Come "architetto di condotta" – così si autodefinisce – rispetta l'ambiente e le leggi dell'estetica, perseguendo un delicato equilibrio tra conservazione e innovazione; come scrittore occasionale misura le parole senza mai impedirsi di toccare i punti dolenti che riguardano la collettività. È pungente senza essere aggressivo. Il tratto affabile dei disegni che illustrano il libro si manifesta anche nello stile: Tita sa evitare le metafore scontate, la sciatteria o l'esibizione. Un po' come nelle sue opere di architettura. La sua prosa è un'acqua fresca che scorre senza fretta.
Due aggettivi ricorrono nei suoi scritti: umile e tremendo. Quasi un ossimoro. Fra questi due termini si svolge la rassegna delle varie sfaccettature cantonticinesi (uso questo termine in memoria di Virgilio Gilardoni, l'amico di Tita che i ticinesi stanno dimenticando).
Potrei estrapolare tante frasi da questo aureo libretto rosso. Mi limito a una. Parlando delle rive del lago di Como – poiché il suo sguardo si spinge naturalmente oltre i confini geografici – l'autore dice: «L'antico è morto e il nuovo cresce male e a dismisura».

*Tita Carloni, Pathopolis,  Riflessioni critiche di un architetto sulla città e il territorio, Casagrande, Bellinzona 2011.

Pubblicato

Venerdì 23 Dicembre 2011

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019