< Ritorna

Stampa

 

Pane e traduzione

di

Cristina Foglia
Viviamo di pane e traduzioni. Nel nostro paese quadrilingue più l’inglese veniamo spesso informati con testi tradotti, contaminati da un’altra lingua o redatti da teste che traducono. Fateci caso: quando mai vi verrebbe da dire che il tempo è bello ma c’è il rischio «per qualche temporale serale»? Eppure questa frase ci viene ammannita un giorno sì e uno no al punto che l’abbiamo fatta nostra. Così la constatazione che a volte bisogna prendere dei rischi, o anche prendere un bagno, a scelta. Senza arrivare alle spaventose traduzioni sulle confezioni dei prodotti – il tè che bisgna «lasciar tirare tre a cinque minuti», il set di scopino e paletta che «occupa poca piazza» – il baco della parola tradotta a sproposito è sempre lì che rossicchia le nostre competenze linguistiche. Vivere in un paese che parla una lingua e doverne riferire in un’altra non è facile. Ci cascano e ci sono cascati anche i migliori. Un giornalista italiano raffinato e colto, da anni residente a Londra è arrivato a dire che la decisione di bruciare centinaia e centinaia i capi di bestiame durante l’epidemia di Afta epizootica «faceva senso» Come dargli torto? Sembravano riprese in differita dal medioevo le immagini delle carcasse fumanti che ci arrivavano sui teleschermi. Il fatto è che lui intendeva dire che la misura si giustificava, aveva senso. Tradotto letteralmente dall’inglese «it makes sense». Un altro amico inglese (ma lui è scusato perché stava imparando l’italiano) mi disse che Londra è una città molto interessante perché c’è gente di tutti i razzi. Londra come Cape Canaveral. Ma questo è il meno della cavagna, come si suol dire. Il bello viene quando noi ticinesi in trasferta in Italia traduciamo direttamene dal dialetto. Una volta, in Sicilia, la mia compagna di viaggio descriveva a un isolano la nostra passione per la montagna e di come siamo bravi a «far fuori le stalle». Siccome quello non capiva ha specificato «facciamo fuori i rustici». Alla faccia della mafia, che metodi hanno questi svizzeri del sud, sparano ai contadini? – Ma no, siamo gente pacifica, gli abbiamo poi spiegato. Accendiamo il camino, facciamo il fuoco, mettiamo là la polenta a cuocere e naturalmente tiriamo su una bella bottiglia. – Dalla cantina? – Aeeee! gli fa lei, che cominciava a spazientirsi. In ogni caso è molto bello, anche se ci sono sempre più zucchini che vengon giù a stufire la zicoria. Il capitolo sugli ortaggi delle nostre montagne abbiamo dovuto spiegarglielo due volte. Poi gli abbiamo raccontato degli sport invernali. Ci piace andare a far pelli... – ?????..... – Ma sì, a piedi con sotto gli sci, le pelli di foca no? – Ah le escursioni con gli sci. Scusa sai ma noi qui siamo gente di mare, non siamo pratici. Ehh ho capito, fa lei comprensiva. Informato e un po’ stordito il nostro conoscente fa per andarsene. – Scusa, prima di scappare... indov’ è che si mangia bene? È bella l’Italia perché è facile farsi dentro con gli altri.

Pubblicato

Venerdì 9 Novembre 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 18 Novembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019