< Ritorna

Stampa

 
L'editoriale

Nuove minacce per il servizio pubblico

di

Claudio Carrer

Un tempo avevamo i treni più puntuali, più sicuri e più puliti del mondo, potevamo effettuare i nostri pagamenti e altre operazioni nell’ufficio postale sotto casa, eventuali guasti della linea telefonica venivano risolti in un battibaleno, avevamo a che fare con ferrovieri e postini che andavano fieri del loro lavoro, che godevano di grande considerazione all’interno delle comunità per l’importante ruolo che rivestivano anche dal punto di vista sociale, al pari del medico condotto, del parroco o del maestro. Oggi non è più così e tutti coloro cui l’anagrafe consente di serbare tali ricordi rimpiangono la qualità del servizio pubblico offerto dalle vecchie FFS e dalle mitiche PTT, le ex regie federali che sul finire degli anni Novanta il Parlamento svizzero decise di trasformare in società per azioni piegandosi alla concezione della nuova gestione pubblica imposta dalle logiche di liberalizzazione e deregolamentazione impostesi negli anni Ottanta e Novanta.

Purtroppo anche con il consenso sostanziale della sinistra istituzionale e dei sindacati, che ancora oggi fanno fatica a riconoscere l’errore commesso e a pensare a un rimedio tanto logico quanto efficace, come quello di riportare le aziende del servizio pubblico in mano pubblica e dunque sotto uno stretto controllo democratico.


Eppure i risultati di quelle privatizzazioni, formali o sostanziali che siano, sono sotto i nostri occhi: i treni sono spesso in ritardo e luridi, molte stazioni sono state chiuse, le aperture delle biglietterie sono state ridotte quasi ovunque e non di rado si verificano incidenti, anche con morti e feriti, più di 1.800 uffici postali hanno chiuso i battenti, altri sono stati “trasformati” e trasferiti all’interno di negozi tra il banco della frutta e quello dei formaggi, il servizio di distribuzione è peggiorato e i prezzi sono aumentati, il personale delle ex regie vive condizioni d’impiego e di lavoro sempre peggiori e sempre più precarie, intere fasce di utenti (per ragioni geografiche o anagrafiche) vengono di fatto escluse dal servizio universale, che per sua stessa definizione dovrebbe garantire “l’approvvigionamento di base in beni e servizi d’infrastruttura di buona qualità che siano accessibili a tutte le cerchie della popolazione e a tutte le regioni del Paese, alle stesse condizioni e a prezzi equi”.  


Certamente, nel confronto internazionale, la Svizzera non è il paese messo peggio da questo punto di vista, ma i cittadini percepiscono che la qualità del servizio pubblico non è più quella di un tempo. Questo sentimento diffuso spiega anche l’ampio sostegno popolare di cui (stando ai sondaggi) sembra godere l’iniziativa in votazione il 5 giugno denominata “a favore del servizio pubblico”, che di buono ha però solo il titolo.
segue a pagina 5

Pubblicato

Mercoledì 11 Maggio 2016

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 22 Ottobre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019