< Ritorna

Stampa

 

Non lasciamoci calpestare

di

Tatiana Lurati Grassi
Il prossimo 26 settembre saremo chiamati a votare per accettare o respingere la revisione della legge sull'assicurazione contro la disoccupazione (Ladi). Se questa modifica verrà accettata, come è oramai noto le modifiche legislative entreranno in vigore già il prossimo 1° gennaio 2011 e allora sì che ci sarà da piangere. Infatti le misure proposte toccheranno tutti: dai nuovi disoccupati, a chi già beneficia dell'assicurazione disoccupazione, peggiorandone notevolmente le condizioni.
Se consideriamo un assicurato di 42 anni con 16 mesi di contribuzione e 2 figli a carico, al 31 dicembre 2010 avrà percepito 280 indennità, con l'attuale legge avrebbe ancora diritto a 120 indennità, mentre con la riforma, dal 1° gennaio 2001 non riceverà più niente, avendo esaurito il suo diritto. È uno scandalo, perché tutti i costi si riverseranno sull'assistenza sociale a carico dei comuni e dei cantoni e non si risolverebbe comunque il problema di fondo dell'assicurato.
Altro esempio. Attualmente un giovane studente ha il diritto di iscriversi immediatamente all'assicurazione disoccupazione e percepisce 260 indennità, con la riforma dovrebbe attendere un periodo di 120 giorni prima di iscriversi in disoccupazione. Quindi il giovane sarebbe ancora a carico della famiglia. Inoltre per chi ha meno di 25 anni senza figli a carico le indennità passerebbero dalle attuali 400 alle 200 previste a partire dal 1° gennaio 2011.
Questa revisione è stata definita discriminatoria e ingiusta dal comitato composto da varie associazioni giovanili, osservazione che condivido pienamente poiché i giovani sarebbero ulteriormente chiamati a pagare i conti di una crisi economica che non hanno causato e che già subiscono duramente. Le statistiche pubblicate in agosto in un rapporto dell'Organizzazione internazionale del lavoro (Oil) lo dimostrano: su un totale di 620 milioni di giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni considerati quale forza lavoro, circa 81 milioni erano disoccupati a fine 2009. Il tasso di disoccupazione giovanile, sempre nel 2009 a livello mondiale è salito al 13 per cento (nel 2007 si situava all'11.9 per cento).
In un momento dove anche l'Oil suona l'allarme per i giovani, una parte della Svizzera si appresta a sferrare ulteriori colpi ai giovani, già duramente provati dalla disoccupazione. Incredibile! Una maggioranza borghese elargisce fior di milioni per salvare una banca e poi infierisce sulle persone che, non per loro colpa o volere, già oggi subiscono gli effetti negativi della crisi economica.
Non facciamoci calpestare ancora una volta, lottiamo per i nostri diritti, votiamo No il prossimo 26 settembre!

Pubblicato

Venerdì 10 Settembre 2010

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019