< Ritorna

Stampa

 

Non fu

di

Area
Ora sappiamo, in maniera certa e definitiva, che incendiare una sinagoga prima e un negozio appartenente ad una famiglia ebrea subito dopo non è un gesto antisemita. Ce lo dice, con la benedizione di un ebreo come Sigmund Freud, lo psichiatra di turno: basta avere qualche turba psichica che un atto antisemita diventa un incidente di percorso, ma sì diciamolo, una banale ragazzata. La cosa ci rincuora non poco. E permette di rimettere molti fatti storici nella loro giusta luce. Perché evidentemente bisogna avere profonde turbe psichiche per concepire lo sterminio degli ebrei, per scriverci un libro, per costruire decine di campi di concentramento e in essi eliminare 6 milioni di persone, per scatenare una guerra micidiale a questo solo scopo e mandare così in rovina anche il proprio popolo. Una persona mentalmente a posto cose così non le può concepire, figurarsi metterle in atto. Ora ce lo dice anche la scienza, con la benedizione di Freud: l’Olocausto non fu antisemitismo, fu una ragazzata.

Pubblicato

Venerdì 3 Giugno 2005

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022