< Ritorna

Stampa

 

Nemesi alla Turrita

di

Libano Zanolari
Se è vero che la Storia non sempre è maestra di vita, in qualche caso, fulminea, squarcia i veli della mistificazione e ci mette di fronte all’impietosa realtà delle cose; in Grecia era la Dea Nemesi (la nostra "nemesi storica") e ristabilire l’ordine fra le ambizioni umane e i Numi olimpici; nelle vicende massime e in quelle minime, dappertutto. In questi giorni la Dea si è stabilita all’ombra della Turrita obbligando l’Associazione Calcio Bellinzona a mettere in campo parecchi giovani, smentendo così pubblicamente la politica sinora seguita: quella dello "shopping" permanente dei vari Stefano Pellegrini e Thimoté (e chi più ne ha più ne metta) spacciati per rinforzi di qualità; di un allenatore come Della Casa ingaggiato (anche) per far crescere il tradizionale vivaio granata, e costretto invece a gestire un "bazar" in cui era sempre esposto il cartello "nuovi arrivi". La cosa più incredibile è che i clienti hanno sempre abboccato e sono accorsi numerosi. E i mass-media hanno regolarmente annunciato in modo acritico tutto questo ben di Dio che generosamente veniva messo a disposizione! Siccome però una squadra di calcio non sempre è paragonabile a un paio di mutande, i continui cambi imposti al povero Della Casa non gli hanno mai permesso di formare una vera squadra. I giocatori poi erano nervosi perché sapevano che dopo un paio di partite sbagliate venivano "tagliati". Credere, obbedire, marciare insomma. Eseguire gli ordini ed avere fede in gente tanto più esperta e competente (figuriamoci…). La verità è che quando con l’acqua alla gola ci si mette nella mani di qualche salvatore, è come vendere l’anima al Diavolo. Solo alla fine ci si accorge che si stava meglio prima, senza troppi sogni di gloria. Ma intanto gli errori si accumulano. Prima i debiti: poi l’incapacità di mediare tra i propri interessi e quelli degli investitori-speculatori. Provinciale sottovalutazione delle proprie risorse (movimento giovanile e anche calcio svizzero). Sudditanza nei confronti di sedicenti "maghi" del mercato. Servilismo dei "mass-media" acritici sino all’ultimo e persino pronti a dar voce a comiche proteste per presunte congiure ai danni dell’ABC. Alla fine risulta pure che mancano 2 mesi di paga. Sino al 5 maggio 2001: sciopero! Sino alla beffa dei ragazzi, considerati da Damiani incapaci; chiamati a cavare le castagne dal fuoco: alla grande, sconfitti solo per uno a zero dal Lucerna. A un certo punto la famosa Nemesi (storica o divina che sia) ha fatto stampare sulla traversa la palla del clamoroso pareggio. Sarebbe stato troppo. Mai esagerare con le lezioni didattiche… A meno che la Dea abbia temuto che l’abilissimo procuratore Damiani, spacciandolo per un centrocampista brasiliano, la volesse poi vendere a qualche società di provincia. Sfruttando la sua popolarità e il momento favorevole… Grande nemesi della Turrita!

Pubblicato

Venerdì 11 Maggio 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 22 Ottobre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019