< Ritorna

Stampa

 
Eurovisioni

Multinazionali, Francia esemplare

di

Andreas Rieger

In futuro le imprese francesi non potranno più far finta di non vedere le porcherie commesse dalle loro filiali e dai loro fornitori all’estero senza pagarne le conseguenze. Secondo una nuova legge, sono infatti tenute a rispettare un “piano di diligenza” (“plan de vigilance”), nel quale siano contemplate misure atte ad impedire violazioni dei diritti umani, deturpazione dell’ambiente e danni alla salute. Quelle che non lo realizzeranno o non lo metteranno in pratica potranno essere multate. La legge vale per tutte le aziende con più di 5.000 dipendenti.


Si potrebbe pensare che un tale dovere di diligenza sia un’ovvietà, ma non è così. La Francia, insieme con i paesi del Nord Europa, è infatti all’avanguardia da questo punto di vista. Tant’è che l’associazione padronale francese si lamenta sostenendo che questo obbligo legale intacca la competitività dell'economia francese. La questione, se del caso, andrebbe regolamentata a livello di Unione europea (Ue). Questo è vero, ma qualcuno deve pur cominciare.


Proprio per la Svizzera il dovere di diligenza francese dovrebbe fungere da model-lo. “La nostra iniziativa va esattamente nella stessa direzione”, afferma Peter Niggli, esperto in materia di aiuto allo sviluppo e membro del comitato a favore dell’iniziativa popolare “Per multinazionali responsabili”, depositata l’anno scorso alla Cancelleria federale con 120.000 firme. Chiedendo regole vincolanti affinché le imprese elvetiche rispettino i diritti umani e l’ambiente anche nelle loro attività all’estero, essa chiama in causa le multinazionali e la loro federazione Swissholdings, che ancora una volta vede una messa in pericolo della nostra competitività economica. Nulla contro la diligenza e la responsabilità, ma secondo il principio dell’autoregolazione, afferma Swissholdings. Dunque, una volta di più  tutto facoltativo. Come è stato per decenni con la dichiarazione dei capitali in fuga da altri paesi.


Il Consiglio federale, cedendo nuovamente a tali pressioni, ha deciso di respingere l’iniziativa e di rinunciare pure a un controprogetto, nonostante una proposta in questo senso del Dipartimento federale di giustizia e polizia. Il nostro governo – una volta di più – dimostra arretratezza. Ma la Svizzera deve proprio sempre essere il fanalino di coda?

Pubblicato

Giovedì 16 Marzo 2017

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

 
..

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Novembre 2020

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

..
Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019