< Ritorna

Stampa

 

Mia figlia ha pianto

di

Area
Martedì sera mia figlia ha pianto. Ha pianto forte, come non la sentivo fare da molto tempo. Non capivo cos’avesse, lei che è così piccola. Poi mi sono reso conto: era di là con la televisione accesa. Maledetta tv, e incoscienti noi genitori che l’abbiamo lasciata in balia, anche se solo per un attimo, di qualche abominevole programma: assassini, stupri, guerre, violenze? Sono corso di là e l’ho vista davanti al concorso canoro per bambini “Mara&Meo”. L’ho presa in braccio, ho tentato di consolarla. Invano. Continuavo a non capire. Allora ho guardato un attimo il programma, lei con la testolina sulla mia spalla che singhiozzando guardava da un’altra parte. E aveva ragione. Bambini costretti a fare le caricature di sé stessi per la gloria di qualche adulto megalomane e il gongolamento generale di genitori e benpensanti vari. Ho spento la tele e le ho spiegato che no, i bambini non sono così deficienti come ce li mostra la tv. Lei s’è consolata ed è corsa di là a giocare. Io ho riacceso la tele, sono finito sulle bombe di Falluja e mi sono sentito rassicurato: sì, in compenso gli adulti sono tanto idioti quanto ce li mostra la tv. E sono andato di là a giocare anch’io.

Pubblicato

Venerdì 19 Novembre 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019