< Ritorna

Stampa

 

Max & co: 4 ruote e 4 zampe

di

Libano Zanolari

Max ha disputato 5 partite consecutive della durata di un'ora, è penetrato 5 volte in area di rigore ed ha fatto 5 goals: ha trasformato al 100 per cento le occasioni create, a quanto dice una delle 5 operatrici ecologiche antistress che per l'occasione custodivano la porta: una prestazione formidabile, a maggior ragione se si pensa che è stata realizzata all'età di 68 anni.
Basterebbe ampiamente per fare di Max, un eroe da fumetto, un mito per tutti i maschi di una certa età che dopo il primo goal si accasciano e non fanno manco la doppietta.
E invece non è finita in gloria, anzi: su Max è piovuto di tutto, "cats and dogs", cani e gatti come dicono in modo surreale dalle sue parti: randellate con nodosi bastoni di rovere, patate di materia maleodorante in faccia, ecc. Perché? Ma perché "Mad Max" Max il pazzo, non giace come Bibbia comanda (nella posizione del missionario) ma si inventa un sacco di cose strane: si trasforma dapprima in prigioniero da campo di concentramento nazista, le "Kapò" gli misurano il torace, gli ispezionano il corpo alla ricerca di oggetti nascosti, poi i capelli per vedere se ha i pidocchi, gli mettono il collare da cane e gli fanno fare bau-bau a 4 zampe, lo sculacciano, protetto solo dalla mitica bandierina a scacchi…
Poi i ruoli si invertono, dal  masochismo al sadismo: tocca a Max picchiare le schiave,  a scudisciate: eins, zwei, drei usw. E allora – direte? Giusto, in privato fra adulti consenzienti i gusti non si discutono. Ma Max è presidente della potente Fia, la federazione internazionale di automobilismo e di nome fa Mosley: è il figlio di Sir (.) Oswald fondatore della "British Union Of Fascists", amicone di Hitler e Goebbels. Se lo show filmato (con o senza assenso?) è finito in rete sia compatibile con il ruolo lo deciderà la Fia il 3 luglio.
Sarebbe più interessante indagare se Max è la classica eccezione o se parte del mondo che mitizza le 4 ruote, vedasi il dissolto Partito Svizzero degli Automobilisti  che riteneva Blocher troppo a sinistra, abbia tendenze leggermente fascistoidi. Le premesse ci sono: hanno in mano un mezzo che estende la loro potenza (anche erotica?), passano fra i paesini di montagna a 150 l'ora, guidano ubriachi, mandano i messaggini alla segretaria, e guardano magari anche qualche film: sadomasochismo, insomma. Lo stesso che induce molti grandi manager e molti potenti della terra a fare come Max. Trattano i subalterni come tanti Fantozzi; hanno talmente schifo del loro sterminato potere che per ristabilire l'equilibrio psichico devono ogni tanto subire le peggiori umiliazioni diventando cani e schiavi come i loro disgraziati dipendenti.
Risolverebbero il problema applicando un po' di democrazia e di civiltà nei rapporti umani ma non ne sono capaci. E allora perché non aiutarli con qualche originale giochino? Nelle officine di Bellinzona qualche bullone da appendere in sacchetti di garza ai testicoli si trova di certo, come pure qualche moglie disposta a terapie speciali a base di leggeri tagliuzzi di forbici arrugginite in varie parti del corpo. E siccome il senso profondo dell'operazione consiste nel masochismo ecco il prezzo: 5 mila franchi a bullone e 10 mila per il trattamento ad incisione. Servirà per le lotte future…

Pubblicato

Venerdì 16 Maggio 2008

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 2 Dicembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019