< Ritorna

Stampa

 

Machista contro tutte

di

Flavia Parodi
Donne ed elettori? Gioie ma soprattutto dolori. Bisogna essere chiari su questo punto: la politica non è un affare per signorine. Figuriamoci se lo è per le signore, con tutti gli impegni che – si suppone – hanno. In Svizzera alle donne è già stato concesso il diritto di voto da un lunghissimo trentennio. Cosa pretendono adesso? Vogliono anche mettersi in lista e magari essere elette? C'è davvero da mangiarsi le dita a pensare che in questo paese avevamo resistito tanto a lungo prima di cedere ai piagnistei delle femmine, aizzate da qualche suffragetta sfaccendata. Pazienza, è inutile piangere sul voto concesso, ormai il pasticcio è stato fatto.
Solo che mi viene la malinconia a pensare a tutti quei fornelli sguarniti. Ai bimbi innocenti trascurati per preparare i discorsi da pronunciare in Parlamento. Ma quali discorsi vogliono fare alla Nazione? Questo paese non è un albergo? Mettiamo una tassa sui calzini sporchi? Una legge per stabilire chi lo cambia adesso il bambino, chi lo porta al corso di scherma? È chiaro, la presenza delle donne in politica porta a una banalizzazione del dibattito anche se adesso le lasciamo persino studiare. D'altra parte l'università fa bene la parte del sensale favorendo ottimi matrimoni con futuri affermati professionisti.
Le donne porterebbero nella discussione politica un'ipotetica sensibilità femminile? È soltanto una chimera che riempie le pagine delle loro riviste ma che concretamente si traduce in scene isteriche e pianti. Eh, si sa, sono emotive. Ma per piacere! Volete mettere una bella scazzottata? Quella sì che è risolutiva quando le parole non servono più. Ma sono cose per chi non ha paura di scheggiarsi le unghie.
In definitiva la quota rosa è solo una quota erosa a chi il mestiere del politico lo sa fare, cioè l'uomo. Peggio, le donne non solo non aiutano i più competenti colleghi maschi, addirittura li intralciano. In un consesso solo virile c'è più tranquillità. Appena si affaccia una donna si crea lo scompiglio. L'uomo è cacciatore (non solo di voti) e di fronte a una potenziale preda fatalmente smette di pensare al paese, si concentra più sulle donne che sui buoi, anche se aggiogati in pariglia ma il settore primario non lo interesserà più. Insomma avete capito.
Non stupisce dunque che al solito siano le sinistre a far più danni spalancando le proprie liste alle donne come se si trattasse di iscriversi a un corso di merletti col tombolo. Ma loro se ne fregano del disordine che quelle portano in politica. Tanto i comunisti sono per le coppie di fatto, per l'amore libero. Tutto quello che contribuisce a disgregare la famiglia tradizionale, loro lo fanno. Anche allontanare le donne dai loro doveri principali: accudire mariti e figli.  
Un applauso alle destre dunque che non partecipano a questo scempio: pochissime donne in lista cosicché prima o poi lo capiranno che il loro posto è altrove. Bisogna scoraggiarle. Finché capiranno da sole che gli unici partiti che devono interessare alle donne sono quelli buoni da sposare.

Pubblicato

Venerdì 9 Febbraio 2007

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019