< Ritorna

Stampa

 

Ma com'è triste la domenica così vuota!

di

Cristina Foglia
bisogni cambiano, o meglio, ce li hanno cambiati. Non si esce più di casa senza il telefonino. Se si dimentica, si torna indietro, come si fa col borsello. Mi hanno detto che alcune mamme di Milano obbligano i figli a portare il telefonino in passeggiata scolastica anche contro il regolamento della scuola. Così, forse, saranno in orario col fuoristrada parcheggiato in seconda fila, quando il pargolo tornerà da un’estenuante passeggiata di duecento metri a piedi. Lo accoglieranno con un paio di lattine di Coca-cola, un paio di merendine e dopo tanta fatica lo scarrozzeranno a casa, davanti alle tele, al sicuro. Ah le mamme premurose! E loro potranno continuare la telefonata iniziata in auto, quando il pargolo, con la bocca piena, cercava di raccontare quel che aveva visto in gita. I negozi aperti sono un’altra delle nostre grandi preoccupazioni. Come se la morte per fame e per sete fosse sempre in agguato. Per questo si vede sempre più gente in giro con la bottiglietta d’acqua a portata di mano e il sacchettino degli snack. «Non ho niente in casa» mi dice un’amica con orrore! Corro al distributore di benzina a comperare il pane fresco (e dal fornaio a fare il pieno?), pago una bottiglia di vino mediocre un prezzo spropositato e infilo nel cestino anche un paio di tavolette di cioccolata. Tanto poi andiamo a smaltirle in palestra… «E nüm a pagum, e nüm a pagum» cantavano quei buontemponi della Palmita. Peccato che sia diventato un “leitmotiv” della Lega. La melodia, e come la cantavano allegramente con quell’aria da furboni, sembra fatta apposta per descrivere questo bisogno di sentirsi vivi attraverso le attività a pagamento, l’acquisizione febbrile di beni di quinta necessità. «Vieni a trovarmi una domenica» ho detto a una conoscente. Risposta: «ma cosa vengo a fare che è tutto chiuso?». È vero, non ci avevo pensato. Le ho detto «hai ragione», e non l’ho più invitata. Sul piano di Magadino da qualche tempo cresce un nuovo tipo di ortaggi. La Nike di Samotracia, l’Apollo, la Venere che fa capolino tra i flutti… e naturalmente fioriere e nanetti. La coltivazione cresce, aumenta di mese in mese e adesso c’è pure l’illuminazione notturna (come per le piantine indoor). Bianco e puro il discobolo si piega leggermente, pronto per il lancio che andrà a colpire l’esposizione di auto ultimo modello, che bevono benzina a ettolitri ma sono il massimo della libertà. Il disco finirà fra i cuscini “decorativi” dopo aver infranto un paio di vetrine del capannone con i mobili più convenienti e che si trova, come dicono negli spot, “13 volte in Svizzera”. Ma vuoi mettere? Sul piano di Magadino ce ne sta di roba! Sta venendo su un altro bel supermercato a prezzi stracciati e chissà quante belle costruzioni utili ci aspettano ancora. Tutte aperte di sabato e domenica e alla sera fino dieci. Così non dovremo più annoiarci in quelle domeniche vuote in cui non c’è niente fare!

Pubblicato

Venerdì 11 Novembre 2005

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Mercoledì 15 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019