< Ritorna

Stampa

 

Libertà religiosa da barattere?

di

Martino Dotta
È inutile scandalizzarsi di fronte alle crescenti derive commerciali della nostra società occidentale: le regole del gioco sono arcinote e gli “spiriti illuminati” contemporanei ci ricordano che quanti non le rispettano, hanno inequivocabilmente torto. Perché mai metterle in discussione? La libertà di consumo è un diritto acquisito e da estendere il più possibile, ripetono instancabili i dirigenti di partiti politici ed aziende (statali e no). Ed i nostri governanti se ne guardano bene dal contestare tale corrente di pensiero; sarebbe politicamente scorretto, indice di un’insana ingerenza statale nell’ambito privato. La realtà parla contro i mentori del commercio totale, ma per quale ragione preoccuparsene? Il mondo contemporaneo si vuole opulento, eppure continua a produrre nuove forme di povertà, a livello locale come planetario. Il problema è che la maggioranza della popolazione né se ne rende conto, né sa darsi spiegazione di un fenomeno in rapida espansione. Ci penserà allora l’apertura liberalizzata dei negozi a risolvere qualsiasi problema di ridistribuzione del denaro circolante e dei beni di consumo? C’è chi continua a proclamarlo, invece di esortare produttori, intermediari e consumatori al senso della misura davanti alle tendenze orgiastiche del commercio. Intanto, nemmeno il Canton Ticino o la Confederazione elvetica sono (ormai più) preservati dalla strana logica, per cui l’aumento della ricchezza complessiva comporta un sempre maggiore divario tra cittadini abbienti e quanti faticano a chiudere i conti mensili senza eccessive perdite. Lo mostrano i dati statistici nazionali, di recente pubblicazione, sui salari percepiti in Svizzera o la tavola rotonda organizzata sabato 19 novembre a Lugano dal Sos-Ticino. La statistica, si sa, è una scienza che può subire, come tutte le conoscenze umane, apprezzamenti assai diversi, e non sfugge talvolta alle letture ideologiche. Aumenta la ricchezza complessiva mondiale, ma non tutti se ne accorgono, poiché sono in pochi a “produrla” (sui mercati dei capitali) e ancora in meno a controllarla (in gergo economico si dice “gestire”, vero?). Da tempo, il potere politico ha abdicato al suo ruolo di promuovere la giustizia sociale e l’equo accesso alle risorse e ai beni. Oltre a ciò, tutto è diventato mercanzia da vendere e comprare, nel limite del possibile con sconti straordinari; oggetti, servizi e valori possono finire sulla piazza del mercato globalizzato al miglior prezzo: anzi, sentimenti ed emozioni sono già patrimoni ambiti e preziosi. Anche l’amministrazione della solidarietà è entrata, a pieno titolo, nel medesimo girone della lotta per accaparrarsi la “parte migliore” di una fetta di mercato sempre più ambita. E stando alla recente visita di George W. Bush in Cina, perfino la libertà religiosa ed i diritti umani possono essere paragonati a “merce di scambio”. Sarà una coincidenza che la risposta cinese all’appello statunitense di apertura sociale e politica sia stata la firma di un contratto per l’acquisto di settanta Boeing 737?

Pubblicato

Venerdì 25 Novembre 2005

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019