< Ritorna

Stampa

 

Leggere e scrivere

di

Alberto Nessi
Forse non tutti sanno che in Svizzera circa ottocentomila adulti sono ammalati di illetteratismo: non è, questo, il male minore di chi crede  Marcel Proust un corridore di Formula 1, ma la malattia perniciosa di chi fa fatica a comprendere un testo anche molto semplice riguardante la vita di tutti i giorni, e non sa riempire un formulario. Sono persone tra i sedici e i sessantacinque anni, poco meno della metà di nazionalità svizzera. In Ticino sono circa 35 mila. Persone che hanno difficoltà ad occupare un posto attivo nella società. Per loro l'Associazione Leggere e Scrivere della Svizzera italiana, in occasione della Giornata mondiale dell'alfabetizzazione, anche quest'anno ha organizzato a Bellinzona, l'otto settembre, una serata di letture pubbliche: per offrire occasioni di  riconciliarsi con il testo scritto, di  dare coraggio alle parole.
Il costo economico globale dell'illetteratismo da noi è di un miliardo di franchi l'anno, pare. Ma non si tratta solo di perdita di soldi per la società. Si tratta specialmente di perdita di dignità per l'individuo. L'illetterato rischia la disoccupazione e non è in grado di seguire corsi per la riqualifica professionale. L'illetterato non socializza, ha tendenza a rinchiudersi nella sua solitudine, si sente umiliato.
È vero: spesso è lo straniero a non avere sufficienti competenze nella nostra lingua; ma è anche vero che uno straniero si iscrive più facilmente a un corso di alfabetizzazione, mentre gli autoctoni tendono a non affrontare il problema. L'Associazione Leggere e Scrivere sta cercando nuove cure per combattere questa malattia. Ma prima di tutto: come  avvicinare chi avrebbe bisogno di frequentare i corsi?
Accanto alla piaga dell'analfabetismo di ritorno vi è quella, dilagante, del regresso della lettura. Si parla spesso della grave situazione in Italia. Ma anche in Svizzera, secondo uno studio del 2006, il tempo dedicato alla lettura è in diminuzione. In particolare a sud delle Alpi  aumenta il numero di chi legge raramente, o mai, libri: queste due categorie «costituiscono in modo costante tra il 38 per cento e  il 50 per cento della popolazione» (dal rapporto Il paesaggio librario e letterario nella Svizzera, realizzato dall'Università di Zurigo su incarico dell'Ufficio federale della cultura). Nella Confederazione le autrici e gli autori sono spesso sconosciuti (già Stefano Franscini per il Ticino deplorava la «scarsa e misera conoscenza delle lettere nel nostro paese»). Tutt'al più, si seguono le mode e s'inseguono i best-seller. Occorrerebbe, dunque, ravvivare l'interesse per la letteratura: in particolare, rivolgendosi a quella crescente parte della popolazione che non entra quasi più in contatto con i libri.

Pubblicato

Venerdì 11 Settembre 2009

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019