< Ritorna

Stampa

 

Le parole

di

Alberto Nessi
Sono a Chiasso, nell'isola pedonale della nuova via delle genti, e mi sento un  po' come Jean-Jacques Rousseau nell'isola di Saint Pierre, contento di esistere. Cammino per le strade del paese natale e mi sento in armonia: per continuare con la letteratura, sono una docile fibra dell'universo, come Ungaretti. Poi incontro Claudio, scambio due parole e tutto cambia. Cosa c'è che non va? La solitudine.
Claudio lavorava in banca a Lugano ed è stato licenziato. Ventidue anni di lavoro in banca e un calcio in culo. Ora è in invalidità. Divorziato, vive solo in un appartamento, che d'estate devi tener chiuse le finestre perché sotto quelli dei giardinetti fanno casino fino a tardi e la mattina i rumori cominciano alle sei, quando i camion cominciano  a scaldare i motori. Di giorno gira per le strade della cittadina, beve qualche birra, va a giocare a scala quaranta con i vecchi della casa per anziani. Solitudine.
Sconfino e entro in un bar. Mi riprende la gioia di vivere, la sensazione  di appagamento personale in mezzo al brusio di sottofondo della comunità. Apro il giornale e tutto cambia. Cosa c'è che non va ? Le parole.
Nella pagina degli spettacoli, s'intervista un noto cantante che si autodefinisce anarchico. Dice allegro che canta per la festa di  Alleanza Nazionale, della Lega e dell'Unità. Lo dice come se fosse segno di anticonformismo: ma uno che sta con le   ronde padane e poi corre dagli ex fascisti e poi fa un salto dai comunisti è opportunista. Uno così offende la parola anarchia, che evoca, nella sua accezione più alta,  Sacco e Vanzetti,  Luigi Bertoni , Kropotkin, gli orologiai del Giura ottocentesco. Tutto va a rotoli per l'uso improprio e strumentale di una parola.
Viviamo in un mondo in cui non si conosce più il significato delle parole. Oppure lo si conosce ma lo si adopera per farsi belli. O per ferire. Le parole sono pietre. Le parole sono rivoltelle cariche: occorre usarle con precauzione. Ci sono parole che rimangono fisse nelle memoria, come chiodi avvelenati. Ricordo una scritta su un muro di Tivoli, sulla via che conduce alla Villa Adriana: Più rum meno rom. Sembra una filastrocca ed è un'incitazione al linciaggio. Potrebbe apparire anche sui muri della mia terra natale, dove due mesi fa qualcuno ha sparato agli zingari. Dove, anni fa, si poteva leggere Senatur, a mare gli albanesi. Cambia l'etnia, ma la malvagità è la stessa. E tutto viene subito dimenticato. Anche i barconi dei dannati africani che oggi vengono respinti e vanno a finire nel "cimitero marino", per tornare alla letteratura. "Respingimento".
Le parole sono pietre. Le parole sono rivoltelle. Le parole sono rivoltelle cariche che talvolta lasciano partire il colpo.

Pubblicato

Venerdì 5 Giugno 2009

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Mercoledì 15 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019