< Ritorna

Stampa

 

Le “liberazioni” dell’Iraq

di

Cristina Foglia
Gli americani hanno liberato l’Iraq. Ci hanno messo relativamente poco. Nell’operazione il piccolo Ali è stato liberato di due ingombranti braccia, la sua famiglia è stata liberata della casa e suo zio è stato liberato da uno strozzino che lo tallonava da mesi per farsi ridare, con gli interessi, i soldi che gli aveva prestato per comperare una playstation al nipote. Tutto con una sola bomba intelligente. A liberare l’Iraq del suo immenso patrimonio archeologico ci hanno pensato in molti. E non solo gli occasionali tombaroli che poi andavano al mercato con tre o quattro pezzetti di bassorilievo assiro-babilonese. Pare che i trafficanti fossero lì come avvoltoi ad aspettare il momento propizio. Se ne parla molto oggi, sulla scia dell’emergenza, ma la liberazione dall’ingombrante passato artistico è in atto dalla fine dell’Ottocento. È una “joint-venture”, come si suol dire. Non a caso le più imponenti vestigia del patrimonio culturale e architettonico si trovano al Museo Pergamon di Berlino (lì è stata ricostruita in tutte le sue decine di migliaia di tasselli la porta babilonese di Istar, che l’archeologo Koldewey aveva pazientemente smontato e numerato come un immenso Lego) e al British Museum, che sfoggia all’entrata della sua più visitata sezione, dopo gli egizi, i tesori delle città di Ninive e Nimrud. Liberati anche ospedali, uffici e scuole, tanto quelli si possono ricostruire. È apparso chiaro fin dall’inizio che Bush non avrebbe fatto rischiare i suoi ragazzi per salvare queste quisquilie: la regola era, proteggere i pozzi di petrolio e qualche stabile designato. Il resto poteva farsi fottere, tanto poi si ricostruisce. E infatti il pragmatismo degli americani, dote indiscussa, dimostra come non si sia perso tempo in operazioni burocratiche. Già sono al lavoro per rimpiazzare i macchinari distrutti una settimana fa, con altri nuovi di pacca, prodotti naturalmente in Usa. Ma insomma, meno male, la guerra è finita. Tirano un bel fiatone anche le conduttrici del Tg di Rai 2, ché da quando i loro capi hanno inventato la lettura in piedi davanti al bancone, invece che sedute dietro, la loro vita è cambiata. Il disagio traspariva dalle loro facce che sembrano dire: c’è la guerra che accidenti mi metto? Mi ricordavano Franca Valeri, che impacciata e ansiosa guarda dritto nella telecamera e dice: “come me metto? De profilo o de faccia, appena voltata di tre quarti? Il golfino è a posto?” Uguali loro. Espressione contrita e gonna di pelle con le calze nere. I stivaloni neri co ‘e borchie forse è mejo de no he? Cheddite? Cinturone sui fianchi? No eh? Liberate anche loro da questo peso. Viva Bush. O no?

Pubblicato

Giovedì 1 Maggio 2003

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Mercoledì 15 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019