< Ritorna

Stampa

 

Lavoro domenicale e indennità giornaliere

di

Peter Schmid
Ho 31 anni, lavoro come fiorista per 44 ore alla settimana. In base al contratto di lavoro devo lavorare una domenica al mese. Per il lavoro domenicale non ricevo supplementi. Il mio capo sostiene che avrei diritto a dei supplementi di salario soltanto se questi fossero espressamente previsti nel contratto di lavoro. Dice che dei supplementi automatici non ci sono. Ha ragione?

Purtroppo sì. Normalmente il lavoro domenicale è proibito. In linea di principio per le eccezioni ci vorrebbe un'autorizzazione. I fioristi attivi nel commercio al dettaglio però non hanno bisogno di questa autorizzazione ufficiale: possono impiegare le lavoratrici e i lavoratori anche di domenica. In ogni caso però ci vuole il consenso del personale interessato. Firmando il contratto di lavoro lei ha acconsentito al lavoro domenciale. Per quel che concerne invece i supplementi salariali, l'art. 19 della Legge sul lavoro distingue fra lavoro domenicale temporaneo da un lato e lavoro domenicale regolare o periodico dall'altro. Un supplemento salariale obbligatorio del 50 per cento c'è per legge soltanto in caso di lavoro domenciale temporaneo. Il lavoro domenicale è considerato temporaneo unicamente se non si lavora per più di 6 domeniche nel corso di un anno civile. Lei deve lavorare per 12 domeniche all'anno, cosa che non è più considerata lavoro domenicale temporaneo. Lei avrebbe diritto ad un supplemento salariale obbligatorio soltanto se questo fosse previsto dal suo contratto (o da un contratto collettivo di lavoro applicabile). Ma questo non è il suo caso.
La stagista e l'assicurazione infortuni

Sono una venditrice diplomata. Dopo l'apprendistato ho lavorato per quattro anni in una boutique di moda. Il settore della moda mi affascina, per questo vorrei fare una formazione supplementare di sarta. Ora ho trovato un posto dove sto facendo uno stage di sei mesi. Non sono pagata, ma imparo tantissimo e ad ogni mia domanda c'è qualcuno che con pazienza mi dà delle risposte molto utili. Recentemente sono caduta con la bicicletta e ho dovuto rimanere a casa per un mese intero. Come stagista beneficio di un'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni?

Sì, tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori impiegati in Svizzera sono assicurati obbligatoriamente contro gli infortuni. Questo vale anche per chi lavora da casa, per gli apprendisti, i volontari, gli stagisti e i praticanti. Siccome lei è occupata per più di otto ore alla settimana l'assicurazione copre anche gli infortuni non professionali. L'assicurazione si assume i trattamenti medici, i costi di ospedalizzazione e i medicamenti. Se a seguito dell'infortunio si è inabili al lavoro, si ha diritto ad un'indennità giornaliera di perdita di guadagno. L'indennità giornaliera corrisponde di regola all'80 per cento del salario assicurato. Anche lei come stagista riceve un'indennità giornaliera dall'assicurazione infortuni. Ma siccome lei non percepisce alcuno stipendio, al suo caso si applica una norma speciale: si considera infatti un guadagno ipotetico di fr. 69.20 al giorno. Su questo ammontare l'assicurazione paga un'indennità giornaliera dell'80 per cento. Lei riceve dunque un'indennità giornaliera di fr. 55.35.

Pubblicato

Venerdì 15 Maggio 2009

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 22 Ottobre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019