< Ritorna

Stampa

 

La salute dei migranti

di

Valeria Canova
Le misure per la promozione della salute e la prevenzione devono essere elaborate tenendo conto anche delle esigenze dei migranti. Diversamente queste non raggiungerebbero un importante segmento della popolazione, producendo rischi e costi aggiuntivi a carico dell'intera collettività.
A livello generale si ipotizza che parecchie offerte in materia di promozione della salute e di prevenzione raggiungano solo parzialmente la popolazione migrante. Diversi studi dimostrano inoltre come le competenze in materia di salute di questa popolazione vadano migliorate.
Su questo presupposto si basa il progetto di ricerca "Promozione della salute e prevenzione adattati alle esigenze dei migranti: analisi dei bisogni dei programmi e dei progetti di salute pubblica nel Cantone Ticino", per il quale l'Ufficio di Promozione e Valutazione Sanitaria Cantonale (Upvs) ha dato mandato a SOS Ticino, nell'ambito del Programma nazionale  migrazione e salute.  
Il progetto si propone di analizzare se i programmi cantonali contemplino un approccio metodologico che faciliti l'accesso equo alle competenze in materia di salute della popolazione migrante, e di valutare se questo approccio sia adattato ai loro bisogni e in grado di contribuire all'attuazione delle pari opportunità. La ricerca si prefigge inoltre di individuare quali siano gli ostacoli che impediscono il raggiungimento e il pieno coinvolgimento di questa popolazione e quali siano le ragioni alla base della loro ridotta partecipazione ai programmi di promozione della salute e prevenzione.
Il rapporto che risulterà da questa analisi proporrà inoltre delle raccomandazioni riguardanti l'adeguamento delle misure di promozione della salute e prevenzione, al fine di renderle adatte anche ai bisogni dei migranti o, qualora tale adeguamento non si dovesse rivelare possibile, di integrarle con programmi specifici.
Le conclusioni dell'analisi potranno essere presentate in un incontro pubblico previsto per il prossimo autunno; ciò potrà essere inoltre occasione di lancio di una rete di collaborazione cantonale attiva nell'ambito "Migrazione e Salute". Tale coordinamento potrebbe permettere di ampliare le conoscenze rispetto a questa tematica, generando delle sinergie utili al raggiungimento di un sistema sanitario che risponda in maniera efficace alla diversità culturale, rafforzando la cooperazione tra gli attori implicati e fornendo uno spazio di dibattito multidisciplinare e di riflessione per conoscere e condividere esperienze riguardanti questo fenomeno.

Pubblicato

Venerdì 18 Marzo 2011

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 29 Settembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019