< Ritorna

Stampa

 
Spazio Sos

La riuscita non deve dipendere da provenienza sociale e culturale

di

Tatiana Lurati Grassi

Il mondo della scuola ci tocca tutti da vicino, perché l’istituzione scolastica è alla base della nostra collettività. Proprio per questo è un tema sensibile e delicato. È quindi più che comprensibile che ci siano delle diffidenze, resistenze e opposizioni alla prospettiva di un cambiamento importante in questo settore. Questo è segno del fatto che tutti teniamo alla scuola e che ognuno la vuole difendere a modo proprio, ognuno sulla base di ciò che ritiene più giusto.


L’art. 2 della Legge sulla scuola stabilisce che “la scuola promuove, in collaborazione con la famiglia e con le altre istituzioni educative lo sviluppo economico, di persone in grado di assumere ruoli attivi e responsabili nella società e di realizzare sempre più le istanze di giustizia e di libertà”.
Il progetto di riforma si vuole inserire in una linea di continuità con i principi di equità e inclusione. Nel contesto che viviamo oggi risulta fondamentale dedicare attenzione ai bisogni formativi degli allievi e alle loro peculiarità. Vi sono infatti forti differenze che sono date dalla provenienza sociale e culturale, un fattore che spesso si rivela determinante per la riuscita scolastica di uno studente.


Questo è un punto focale soprattutto per le persone di cui si occupa SOS Ticino, da un lato ragazzi migranti (minorenni e maggiorenni, con e senza famiglia) oppure giovani che frequentano i nostri programmi occupazionali. La scuola dell’obbligo gioca un ruolo fondamentale nella loro preparazione scolastica e nella costruzione di basi solide di conoscenze, delle loro capacità cognitive che permetteranno poi loro un avvicinamento al mercato del lavoro senza remore e paure.
Il punto è come assicurare un riconoscimento equo partendo dalle variegate potenzialità degli allievi senza riprodurre privilegi che non hanno nulla a che vedere con lo sviluppo dei loro talenti e la presa a carico delle loro difficoltà.


Non è concepibile che per un verso si perori la causa della formazione professionale rafforzandola, riqualificandola e rendendola il più possibile permeabile ad altri sbocchi formativi e professionali, e d’altra parte si avvalori il meccanismo della selezione esclusiva (fatta dai livelli). La contraddizione è evidente, così come lo è il danno che questa logica arreca alla formazione professionale.
Solo se la via professionale è percepita come una reale opportunità per profili differentemente talentuosi, rispetto allo standard accademico, l’investimento darà i suoi frutti. Per questo, occorre lavorare seriamente sul terreno della differenziazione e della personalizzazione, il solo strumento in grado di convertire in risorse quelli che a prima vista appaiono come dei limiti.


Il credito di 6,7 milioni in votazione il prossimo 23 settembre permetterà la sperimentazione di modalità didattiche e organizzative già in atto nella scuola dell’obbligo, ma estendendole, permettendo così di poter seguire più da vicino il singolo ragazzo secondo i suoi tempi. Per SOS Ticino è un’opportunità da cogliere!

Pubblicato

Mercoledì 12 Settembre 2018

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019