< Ritorna

Stampa

 

La politica dei privilegi

di

Gianfranco Helbling
C’è un evidente legame fra due dei tre oggetti in votazione popolare il prossimo 8 febbraio, il controprogetto all’iniziativa Avanti e la revisione del diritto di locazione. In entrambi i casi il Consiglio federale aveva elaborato proposte assai più equilibrate, proposte che poi sono state riviste a senso unico dalla maggioranza parlamentare. Ed è in questa versione estrema che i due testi vengono sottoposti al voto popolare. Nel caso di Avanti il controprogetto governativo non contemplava il raddoppio della galleria stradale del San Gottardo, inserito di forza in parlamento su idea del consigliere nazionale Udc Ulrich Giezendanner, titolare di una grossa ditta di autotrasporti e tenace lobbysta per la strada. Nel caso del diritto di locazione invece il Consiglio federale proponeva che per l’adeguamento degli affitti si tenesse conto del rincaro nella misura dell’80 per cento, mentre il parlamento si è espresso per il 100 per cento, riversando così l’intero rischio dell’investimento immobiliare sugli inquilini. In entrambi i casi il parlamento federale, già nella passata legislatura ampiamente votato agli interessi dei potentati economici, ha favorito privilegi particolari, a scapito di soluzioni più ampiamente condivisibili. E in quest’ottica emerge un secondo, forte legame fra i due oggetti in votazione. Perché nella scorsa legislatura la lobby dei trasporti e quella delle costruzioni si sono ampiamente sostenute a vicenda per tutelare e se possibile estendere i loro privilegi particolari a scapito degli interessi della collettività. Solo così si spiega che, mentre la destra da un lato urla ossessionata al risparmio, dall’altro crea un fondo di 30 miliardi di franchi per costruzioni stradali sottraendolo al freno alla spesa, da lei stessa voluto per contenere il budget della Confederazione. Ed è solo così che si spiega perché il parlamento, con il voto decisivo del presidente della Società svizzera degli impresari costruttori Werner Messmer (Plr), abbia votato contro il credito federale per la promozione dell’alloggio, impedendo che la Confederazione dia un nuovo impulso al settore edile e contribuisca così a contenere l’esplosione degli affitti nei grossi centri urbani. Il disegno è evidente: costruiamo nuove strade e cementifichiamo il paese a spese della collettività traendo guadagni immediati per i soliti privilegiati, e nel contempo continuiamo a favorire la speculazione immobiliare mandando gli affitti alle stelle, a esclusivo gaudio dei grossi proprietari. Opporsi a questi due oggetti in votazione il prossimo 8 febbraio significa anche far capire al parlamento che il popolo non è più disposto ad accettare una politica dei privilegi.

Pubblicato

Venerdì 30 Gennaio 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019