< Ritorna

Stampa

Lavoro & Giustizia

La lotta a oltranza delle lavoratrici dell’Ibis

Otto lunghi mesi di sciopero senza salario e poi, con l’inizio della pandemia, altri 14 mesi di azioni di dura lotta. Alla fine, la vittoria è arrivata e il gruppo francese Accor ha dovuto cedere alle richieste delle scioperanti.

di

Mattia Lento

È l’incredibile storia delle lavoratrici dell’hotel Ibis di Parigi raccontata da Sylvie Kimissa Esper. La donna ha raccontato tutte le tappe della sua battaglia e di quella delle sue colleghe durante i lavori della Conferenza delle donne Unia.  L’energia, la rabbia, la grande capacità oratoria della cameriera ai piani hanno rapito tutte le 160 militanti e sindacaliste presenti a Bellinzona il 20 e 21 maggio.

 

La Conferenza era dedicata al cosiddetto femminismo intersezionale, ovvero a quell’insieme di pratiche, riflessioni e lotte che tengono conto delle discriminazioni multiple a cui sono soggette moltissime donne. Le lavoratrici dell’Ibis di Parigi hanno tutte origini migranti e hanno dovuto combattere contro discriminazioni di classe, di genere e contro gli stereotipi legati alla loro provenienza che le vorrebbero passive e pronte ad accettare qualsiasi situazione lavorativa ed esistenziale.

 

Il sostegno sindacale

Le condizioni di lavoro delle cameriere ai piani impegnate nell’hotel Ibis erano da incubo: «Eravamo costrette a completare una camera ogni 17 minuti, un’impresa impossibile per alcune camere lasciate in condizioni pietose dai clienti. Non avevamo nessun cartellino che registrasse il nostro tempo di lavoro effettivo. Praticamente si trattava di un impiego a cottimo. I nostri salari, inutile dirlo, erano da fame e non prevedevano nessun rimborso spese per i pranzi. Le molestie di stampo sessista erano all’ordine del giorno. Alcuni clienti pensano che siamo delle prostitute: una volta mi sono trovata un ospite completamente nudo che mi invitava a pulire comunque la sua camera. Abbiamo persino avuto un caso di violenza sessuale nei confronti di una delle nostre colleghe da parte di un dirigente». Tutto questo era davvero troppo.


Lo sciopero è scoppiato nel luglio del 2019, a seguito di alcuni trasferimenti abusivi di lavoratrici, e si è protratto fino al marzo del 2020, quando è arrivata la pandemia. Il sindacato Cgt-hpe presente nel ramo alberghiero ha sostenuto le lavoratrici e ha pagato loro l’indennità di sciopero: «Con lo scoppio della pandemia abbiamo dichiarato di voler ritornare a lavorare, per poter ricevere la cassa integrazione e alleggerire così il nostro sindacato, ma abbiamo continuato a lottare organizzando azioni di protesta e di disturbo all’interno dell’hotel stesso. I pochi clienti presenti nell’hotel avevano a che fare con lavoratrici arrabbiate e molto rumorose, non proprio una bella esperienza per loro».

 

Queste lavoratrici, prima invisibili e senza voce, hanno conquistato così l’attenzione dei media nazionali e hanno costretto il datore di lavoro nel maggio dello scorso anno a sedersi attorno a un tavolo e ad accettare buona parte delle loro rivendicazioni. Per Kimissa Esper questa battaglia ha dimostrato ancora una volta l’importanza del conflitto per la causa delle donne: «Solo la lotta può toglierci da situazioni di sofferenza inaccettabile e migliorare le nostre vite» (qui il video dell'intervista integrale).

 

Ticino protagonista

Durante i lavori della Conferenza, non sono mancati altri momenti forti. A parlare al pubblico è stata anche Silvia Dragoi, badante attiva da anni in Ticino e militante sindacale, che ha ricordato le difficoltà a cui vanno incontro le lavoratrici delle cure costrette all’invisibilità del lavoro domestico. In caso di abusi queste donne sono confrontate con la solitudine. Una situazione che il Collettivo badanti ticinese cerca da anni di superare.

 

All’intervento di Dragoi ha fatto seguito quello di alcune lavoratrici frontaliere della Riri, azienda di Mendrisio che produce cerniere, che all’inizio dello scorso aprile hanno incrociato le braccia per protestare contro il difficile clima lavorativo, fatto anche di insulti pesanti da parte di alcuni responsabili, e i turni massacranti. Questo sciopero, che ha visto alcune donne in prima linea, ha costretto la dirigenza della Riri a sedersi a un tavolo con i sindacati e ha spinto l’ispettorato del lavoro a vigilare sulle condizioni di lavoro all’interno dell’azienda.

Pubblicato

Giovedì 2 Giugno 2022

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022