< Ritorna

Stampa

 

La danza degli specchi

di

Walter Bortolotti
Il 21 marzo è stato un grande giorno per i Movers, hanno infatti festeggiato i loro quindici anni di esistenza. Ma oltre ad aver spento le candeline per questo avvenimento importante hanno anche messo in scena il loro ultimo spettacolo: vis-à-vis, la cui première si è svolta nel nuovo centro culturale dell’Ewz-Unterwerk Selnau di Zurigo. La tournée nazionale è continuata in diciotto città svizzere ma per chi ancora non ha avuto la possibilità di vederli, i Movers ritorneranno nuovamente a Zurigo dal 19 maggio fino al 2 giugno. La storia del gruppo di danzatori inizia nel 1986 allorché Bruno Steiner crea la troupe nella città sulla Limmat ed è a partire da quell’anno che metterà in pratica la sua filosofia di teatro del movimento: un sottile mélange di figure e di danza, d’acrobazia e di mimo, di movimenti eseguiti con foga, eleganza e rigore. In questi anni Steiner ha prodotto per i Movers dieci spettacoli e ha lavorato anche per coreografie cinematografiche e televisive. L’artista, dopo una formazione che spazia dalla clownerie alla danza moderna ed alla pantomima, decide nel 1966 di dedicarsi alla sua unica passione: il teatro senza parole. Nel 1982 fonda la scuola interdisciplinare per il teatro del movimento: die Vorbühne a Zurigo. La sintesi delle differenti tendenze artistiche, caratteristica dei Movers, entusiasma tutti i suoi spettatori. Né danza, né teatro, anche in questa magica e colorita creazione rimaniamo sorpresi e ci impressioniamo, riflettiamo o ridiamo. La troupe, uscendo dagli schemi abituali si allontana vistosamente dal teatro tradizionale optando per una scenografia particolare: degli specchi producono degli effetti visivi inattesi che risvegliano sensazioni e incitano all’azione. Un altro elemento particolare è la musica: i Movers prendono anche qui distanza dai precedenti lavori e per questo spettacolo collaborano con l’Ensemble Rayé di Neuchâtel. Il gruppo, che ha composto l’intera musica, affianca sulla scena la troupe di danzatori ad ogni rappresentazione e la loro musicalità originale, evocatrice di melodie felliniane, ci permette di entrare in una dimensione ricca di emozioni. L’ensemble nasce nel 1987 con Cédric Ville e Jean 20-Huguenin. All’inizio degli anni ’80 avevano già collaborato con un altro complesso, i Débile Menthol, gruppo rock delirante e indiavolato. Dopo quegli anni di musica esplosiva il gruppo si dedica a un registro meno rumoroso e più accessibile. Vis-à-vis promette al suo pubblico uno spettacolo divertente, tenero e commovente che, opponendosi alla realtà e all’assurdo, parla di felicità e d’amore. Per prenotare i biglietti ancora disponibili: www.movers.ch.

Pubblicato

Venerdì 18 Maggio 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 23 Settembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019