< Ritorna

Stampa

 

La calata dei tassi

di

Paolo Riva
Mai, nella storia recente dell’economia statunitense, la banca centrale ha ridotto i tassi tanto frequentemente come negli ultimi due mesi. In poco tempo il costo del denaro è diminuito di due punti percentuali, nel tentativo di rilanciare un’economia che sta mandando chiari segnali di rallentamento. Cosa significa tutto ciò? L’abbassamento dei tassi di riferimento implica una diminuzione del costo del denaro, in altre parole è possibile prendere in prestito dei capitali, pagando un tasso d’interesse sempre più basso. Lo scopo che si vuole raggiungere è quello di stimolare gli imprenditori ad investire nelle proprie attività a condizioni sempre più favorevoli. Ammodernamento dei macchinari, investimenti in ricerca e sviluppo, lancio di campagne pubblicitarie e incremento della manodopera sono tutti effetti desiderati e desiderabili, anche se resta da stabilire con certezza se la semplice manovra del taglio dei tassi è sufficiente a fornire un fondamento solido a questi fenomeni di ripresa economica. L’inghippo sta nel fatto che le imprese, per la loro stessa natura, mirano al profitto, inseguendolo anche con manovre di tipo contabile. Per cui se il mercato di un certo prodotto è per il momento saturo e le vendite ristagnano, minacciando i risultati di fine anno, ecco che una delle manovre possibili è il taglio di qualche migliaio di posti di lavoro. Questo farà diminuire i costi, aumentando si riflesso l’utile. Senza che in realtà l’azienda abbia venduto una sola unità in più. A questo punto risulta facilmente deducibile il fatto che in realtà gli imprenditori non reagiscono meccanicamente in modo positivo a questi stimoli della banca centrale, ma soppesano esattamente i pro e i contro e agiscono di conseguenza e secondo il loro ed esclusivo tornaconto. E se ai primi tagli dei tassi le reazioni sono abbastanza violente e immediate, con il calare del costo del denaro esse si fanno sempre più rare e impercettibili, perché sempre minori sono i benefici diretti che le industrie ne possono trarre. Tutto questo, naturalmente, ha delle ripercussioni sulla vita quotidiana di milioni di individui, ed è questo il motivo per cui gli investitori si interessano al fenomeno, e per cui i mercati finanziari ne sono così influenzati. Da queste reazioni si possono trarre preziose indicazioni circa l’orientamento dei consumi nel prossimo futuro. Per questo, se al prossimo calo dei tassi le borse non dovessero reagire con entusiasmo, ci sarebbe poco da stare allegri, perché potrebbe significare che è stato raggiunto il limite oltre il quale una diminuzione del costo del denaro non è più ritenuta interessante. Probabilmente il primo grave segnale di una vera crisi.

Pubblicato

Venerdì 18 Maggio 2001

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 23 Settembre 2021

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019