< Ritorna

Stampa

 

La borsa sale e diventiamo un po' stupidi

di

Paolo Riva
È bastato che il Dow Jones chiudesse una seduta sopra i 9 mila punti per far gridare alla fine del periodo di vacche magre. Per non parlare di quando lo stesso indice è riuscito ad installarsi per alcuni giorni sopra la barriera dei 9 mila 100. Ma è sufficiente desiderare tantissimo una cosa, perché questa si avveri rapidamente, come sembra il caso per questa inversione di tendenza in borsa? Probabilmente no, e sarà meglio non lasciarci trasportare troppo dai nostri desideri, se vogliamo interpretare la realtà in modo relativamente corretto, invece di lasciarci abbagliare dal miraggio di un mercato rialzista, quando tutti i segnali parlano invece di una tregua in un mercato che rimane comunque depresso. In sostanza quello che mi pare di capire, è che il desiderio di tornare a guadagnare qualcosa dai propri investimenti è tale da offuscare la lucidità di giudizio necessaria per capire realisticamente come è meglio muoversi, invece di agire come se le cose andassero come nel migliore dei mondi possibili. Di colpo sono tornati in auge i tecnologici, ritenuti fra i maggiori responsabili del buco nero degli ultimi tre anni, come se tutte le analisi che ne hanno condannato l’esplosione in borsa non fossero mai state pubblicate. I tecnologici potranno anche tornare a recitare una parte importante a Wall Street, ma credere che il momento sia già arrivato mi sembra azzardato e prematuro, soprattutto quando il solo elemento a sostegno di una simile tesi è dato dal prezzo conveniente delle azioni di queste aziende. Comperare basso e vendere alto è una costante della borsa, ma ciò non vuol dire che bisogna comperare qualsiasi cosa, quando questa costa poco. Sarebbe una semplificazione dannatamente pericolosa della teoria. Esistono aziende, sia fra i tecnologici che negli altri settori, che hanno perso più o meno il 90 per cento del proprio valore, e nonostante ciò sono ancora sopravvalutate. Occhio dunque ai passi falsi! Chi si occupa di comportamento sa che gli esseri umani tendono a lasciarsi prendere la mano in questi momenti positivi della borsa, e per definire questo stato d’animo è stata coniata l’espressione “euforia irrazionale”. In altre parole, quando la borsa sale tendiamo stupidamente a credere che questa salita non finirà mai. Insomma, diventiamo tutti un po’ stupidi, per cui gli analisti, nell’intento di riportarci sulla retta via, ci esortano a liberarci delle azioni in utile, vendendole a qualcuno più stupido di noi.

Pubblicato

Venerdì 20 Giugno 2003

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019